Doppietta azzurra in Moto2 a Misano, Bastianini-Bezzecchi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Seconda gara e seconda doppietta azzurra al gran premio di motociclismo dell’Emilia Romagna e della riviera di Rimini. Dopo la Moto3 (vittoria di Romano Fenati seguito da Celestino Vietti), anche la Moto2 si colora di azzurro: ha vinto infatti Enea Bastianini, davanti a Luca Bezzecchi e al britannico Sam Lowes. Quarto posto per Luca Marini. 

    Il gp della Moto2 è stato condizionato anche dalla pioggia, e a 19 giri dal termine è stato interrotto; al momento di riprendere la corsa, il ritorno della pioggia ha costretto i giudici a decretare un nuovo stop. La seconda parte della corsa, dopo la ripartenza in griglia, è stata contrassegnata soprattutto dal duello fra Bastianini e Bezzecchi, ma a quest’ultimo è mancato il tempo per trovare il sorpasso decisivo.

    Con questo risultato la classifica mondiale vede al comando Luca Marini, fratello minore di Valentino Rossi con 125 punti, Bastianini si avvicina ed è ora a 120, Bezzecchi è terzo a 105.

    E nel gran premio di Moto3 ha vinto Fenati, con un sorpasso spettacolare negli ultimi metri prima del traguardo.

    La vittoria del riscatto, ricominciando dal basso: questo e’ il successo di Fenati oggi nel gp d’Emilia di Moto 3, sul circuito di Misano: “Vincere qui e’ un’emozione speciale”, dice il pilota ascolano che a settembre 2018 fu protagonista di una follia in pista, quando impegnato in un duello con un rivale – Stefano Manzi – gli si accosto’ in corsa e gli tiro’ il freno della moto. Era una gara di Moto2, Fenati fu squalificato fino a febbraio 2019, poi ricomincio’ dalle Moto3. “Due gare fa ero ventesimo, ora sono competitivo – ha aggiunto Fenati – Spero che tutti vadano più piano alle prossime, perché io sono vecchio”, la battuta di Fenati, che ha più volte confessato di essere uscito più maturo da quel gesto. “Progredire e’ fondamentale”. 

       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte