Emilia Romagna: 40 detenuti lavoreranno alla ricostruzione delle zone colpite dal Sisma

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Saranno una quarantina i detenuti che collaboreranno in attività di volontariato nei comuni colpiti dal sisma. Lo prevede il Protocollo d’intesa firmato in Regione dall’assessore alle Politiche sociali Teresa Marzocchi, dal vice capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Luigi Pagano e dal presidente del Tribunale di Sorveglianza di Bologna Francesco Maisto.

    Si tratta di un’idea lanciata nelle scorse settimane dallo stesso Ministro della Giustizia Paola Severino.

    L’intesa prevede l’inserimento di detenuti in attività di volontariato nelle zone colpite dal terremoto valorizzando il ruolo delle associazioni che già operano nell’ambito della ricostruzione. Gli interventi verranno definiti in una serie di protocolli che saranno firmati con i comuni sede delle carceri (Bologna, Modena, Ferrara Reggio Emilia e Castelfranco dell’Emilia).

    Al momento, i carcerati ritenuti idonei sarebbero una quarantina.