Erdogan è sul piede di guerra: esercito turco invaderà la Siria

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • “Abbiamo fatto i nostri preparativi, abbiamo compiuto i nostri piani operativi, abbiamo impartito le istruzioni necessarie”. Così il presidente turco Recep Tayyip Erdogan annuncia una nuove operazione militare nella Siria del nord, a est dell’Eufrate. L’operazione è stata coordinata con gli Stati Uniti, che stanno allontanando le proprie truppe dal confine: “Le forze statunitensi non sosterranno né saranno coinvolte nell’operazione e le truppe Usa, che hanno sconfitto il califfato territoriale dello Stato islamico, non saranno più nelle immediate vicinanze”, fanno sapere da Washington.

    L’obiettivo di Ankara, come annunciato più volte, è quello di creare una zona sicura al confine siriano, in modo anche da gestire al meglio (questo almeno il punto di vista di Erdogan) la questione migranti: “Il piano per la zona sicura ha due scopi: mettere in sicurezza i nostri confini eliminando gli elementi terroristici e garantire il ritorno sicuro dei profughi”. Proprio nel nord della Siria, il Sultano vorrebbe trasferire 2 milioni degli oltre 3,6 milioni di rifugiati presenti in Turchia.

    I curdi delle Sdf, scaricati per l’ennesima volta da Wsahington, hanno fatto sapere che non esiteranno “a trasformare qualsiasi attacco non provocato in una guerra totale”. Le stesse Forze democratiche siriane affermano di aver rispettato gli accordi “sul meccanismo di sicurezza, smantellando le fortificazioni militari tra Tell Abyad e Ras al-Ayn, ritirando le unità di combattimento con le armi pesanti. Tuttavia – proseguono i curdi – le minacce di Erdogan hanno come obiettivi quelli di cambiare il meccanismo di sicurezza in un meccanismo di morte, di fare sfollati tra la nostra gente e trasformare la regione sicura e stabile in una zona di conflitto e guerra permanente”.

    L’operazione turca, però, apre diverse incognite. Prima tra tutte: come verrà condotta l’operazione? E da chi? Combatteranno solamente le truppe regolari di Ankara o anche i miliziani, alcuni con simpatie jihadiste, riciclati da Erdogan in questi ultimi anni? E poi: gli Usa hanno fatto sapere che “la Casa bianca ha a lungo esercitato pressioni su Francia, Germania e altre nazioni europee, da dove provenivano molti combattenti dell’Isis catturati, per riprenderli indietro, ma non li vogliono e hanno rifiutato”. Per questo motivo, i terroristi passeranno sotto il controllo della Turchia. Ma come è possibile tutto questo dopo che per anni Ankara ha lasciato aperta la cosiddetta “autostrada del jihad” permettendo a migliaia di jihadisti di raggiungere la Siria? Che fine faranno i curdi? Per anni sono stati appoggiati dagli Stati Uniti per combattere lo Stato islamico. E ora? Verranno abbandonati al loro destino come già successo a Manbij? Capiranno i curdi che l’unico modo per non venire schiacciati dalle scelte politiche altrui è quello di tornare a Damasco e trovare un accordo con il regime di Bashar al Assad? Le truppe Usa abbandoneranno davvero la Siria, come ha annunciato l’anno scorso il presidente Trump o questo è solamente uno spostamento momentaneo?

    Tutte domande, queste, che si stagliano sullo sfondo di una nuova operazione militare – l’ennesima – in un Paese dilaniato da una “guerra mondiale a pezzi”. Il Giornale.it