Estensione CIG per maltempo, incontro tra ANIS e Aziende associate dei settori Edile, Trasporti e Movimento Terra –

  • Le proposte di Reggini Auto

  • In merito alla questione della cassa integrazione per maltempo da estendere anche a coloro che ne erano stati esclusi, si è svolta oggi nella sede dell’ANIS l’assemblea delle aziende associate dei settori Edile, Trasporti e Movimento Terra. Si è fatto il punto della situazione alla luce dell’incontro avvenuto nei giorni scorsi tra i vertici ANIS e il Segretario di Stato per la Sanità Claudio Podeschi, alla presenza del Direttore Amministrativo dell’ISS Davide Petrini e di altri funzionari dell’Istituto.

    Dopo tale incontro, in cui veniva individuata una possibile soluzione la cui operatività poteva decorrere dal primo dicembre, è arrivata una nuova comunicazione, in data odierna, dalla Direzione Amministrativa dell’ISS, nella quale si precisa che, “si è reputato opportuno, nel rispetto delle competenze e prerogative dei vari organismi esistenti, di inviare tale circolare in subordine ad un esame ed esclusivamente solo dopo una eventuale approvazione della stessa da parte della Commissione Cassa Integrazione Guadagni”.

    Una considerazione già condivisa nell’incontro e di tutt’altro genere e tenore rispetto a quanto riportato da certi quotidiani.

    Essendo di tutta evidenza la necessità di un intervento legislativo, l’ANIS ha quindi riferito alle aziende associate dell’impegno assunto di effettuare le necessarie modifiche di legge che devono avere carattere d’urgenza affinché le stesse possano essere operative dal 1 novembre o, al più tardi, dal prossimo 1 dicembre.

    In attesa di una risposta concreta e risolutiva al grave problema, gli imprenditori interessati hanno espresso apprezzamento per l’attenzione ricevuta. Una nuova assemblea è prevista in seguito alla riunione della Commissione CIG: in quella occasione saranno analizzati i risultati raggiunti e valutate le eventuali iniziative per veder riconosciuti i propri diritti.

    Per ogni definitivo chiarimento alleghiamo la lettera inviata dal Direttore Amministrativo ISS all’ANIS.