F1: Williams in crisi, c’è ipotesi vendita team

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA-AFP) – ROMA, 29 MAG – Intrappolata tra deludenti risultati sportivi e la crisi legata all’epidemia di Covid-19, il gruppo automobilistico britannico Williams ha annunciato venerdì che sta pensando di vendere il suo team di Formula 1, che ha perso il suo sponsor principale. In una nota diffusa oggi, il consiglio di amministrazione di Williams Grand-Prix Holding (WGPH) “esamina tutte le opzioni strategiche disponibili per la società (compresa) la vendita della partecipazione di maggioranza in WGPH, compresa una vendita totale della società”.
        Le altre opzioni prese in considerazione sono l’ingresso di un azionista di minoranza o di una raccolta fondi, ha aggiunto il gruppo. La Williams ha anche indicato anche chesono già in corso “colloqui preliminari” con “un piccolo numero di interlocutori”.
        Il team di Formula 1 ha anche annunciato l’immediata cessazione della sua partnership con il suo partner principale, ROKiT e il suo sponsor principale ROK Drinks. Il 2019 è stato un anno difficile per il team di Formula 1, con una perdita operativa di 10 milioni di sterline (12 milioni di euro) contro un utile di 16 milioni di sterline (17,7 milioni di euro) su questa attività. “I risultati del 2019 riflettono il recente declino della nostra competitività nelle operazioni di Formula 1 e le conseguenti riduzioni delle entrate relative ai diritti commerciali”, ha dichiarato Mike O’Driscoll, CEO di Williams.
        “Dopo 4 anni di solidi risultati nel campionato di F1, dove abbiamo ottenuto due terzi posti e due quinti posti, abbiamo avuto due stagioni molto difficili”, ha ammesso, poiché la crisi del coronavirus fa futuro oscuro.
        “La stagione 2020 di F1 è stata ovviamente interrotta dalla pandemia di Covid-19, e questo avrà un impatto sui nostri ricavi commerciali quest’anno”, ha aggiunto O’Driscoll. Williams ha anche collocato gran parte del suo personale in un periodo prolungato nel sistema di disoccupazione parziale del governo britannico per mitigare gli effetti della crisi. “Mentre questa terribile crisi globale si dissolve, tutti alla Williams Racing sono impazienti di iniziare la nuova stagione”, scrive Williams dopo tutto, prima di sperare in un ritorno alle corse a luglio.
        (ANSA-AFP).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte