Fiorentina: Commisso, Iachini mai stato in discussione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – FIRENZE, 20 OTT – ”Iachini non è mai stato in
    discussione e andiamo avanti con lui, senza ultimatum”. Così
    Rocco Commisso sulla scia di quanto fatto trapelare ieri dalla
    società riguardo alla decisione di continuare con l’attuale
    tecnico nonostante la delusione per il pareggio esterno subito
    in rimonta contro lo Spezia preceduto dalla sconfitta casalinga
    con la Sampdoria.
        ”Ho ribadito la fiducia a Iachini, certamente i risultati
    valgono e si deve andare meglio, nei prossimi giorni parlerò
    anche alla squadra” ha proseguito il presidente della
    Fiorentina dopo il confronto avuto nel primo pomeriggio,
    nell’hotel del centro storico che lo ospita, con lo stesso
    tecnico e i dirigenti. Quindi Commisso ha zittito le voci
    circolate in questi giorni su Sarri e Spalletti quali candidati
    alla panchina viola. ”Non ho incontrato altri allenatori,
    piuttosto bisogna fare meglio perché la squadra è forte, è
    questo che ci siamo detti con Iachini. Non mi è piaciuto
    domenica il modo in cui ci siamo fatti rimontare”.
        La fiducia confermata all’attuale tecnico suona anche come un
    messaggio ai giocatori in attesa che lo stesso Commisso lo
    faccia direttamente nel confronto in programma in settimana: ”Devono sapere che qui siamo uniti e lavoriamo tutti assieme
    per lo stesso obiettivo, la gente a Firenze vuole vedere far
    meglio rispetto alle ultime gare”. Il patron viola, che tornerà
    negli Stati Uniti la prossima settimana, ha infine escluso che
    la partita di domenica al Franchi contro l’Udinese possa essere
    decisiva per Iachini: ”Io non faccio ultimatum” ha tagliato
    corto prima di raggiungere il centro sportivo per seguire
    l’allenamento della squadra tornata in campo dopo un giorno di
    riposo. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte