Fiorenzo Stolfi a Parigi per l’APCE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Il Consigliere Fiorenzo Stolfi, membro della Delegazione Consiliare presso l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE), è a Parigi per partecipare alla riunione della Commissione APCE Migrazione, Profughi e Popolazione, che si terrà nei giorni 30 e 31 marzo p.v..

    All’ordine del giorno, il dibattito e la votazione dei testi che saranno esaminati in seduta plenaria nel corso della II sessione annuale dell’Assemblea Parlamentare a Strasburgo il prossimo aprile.

    Sul tema “L’impatto della crisi economica mondiale sulle migrazioni in Europa”, la Commissione ha adottato all’unanimità una bozza di risoluzione e una di raccomandazione che sottolineano come il tasso di disoccupazione crescente influisca fortemente sugli afflussi e sul livello di integrazione dei lavoratori migranti, che spesso sono considerati in competizione con i lavoratori locali.

    Il dibattito ha visto una partecipazione particolarmente intensa sul tema della situazione delle popolazioni Rom in Europa, con particolare riferimento alle attività del Consiglio d’Europa. Questa tematica, lungamente trattata dalla Commissione Migrazioni, non ha di fatto mai ottenuto un riscontro per quanto riguarda l’attuazione di impegni concreti. La Commissione condanna ogni forma di pregiudizio e di violazione dei diritti umani ed auspica il rispetto degli obblighi degli Stati membri e della comunità Rom.

    Sul tema “Migranti e Profughi: una sfida permanente per il Consiglio d’Europa”, è intervenuto Khalid Koser, Presidente dei Programmi del Centro di Politica di Sicurezza di Ginevra, che ha esplicitamente invitato gli Stati membri del Consiglio d’Europa a ratificare le Convenzioni già esistenti in materia: invito che riguarda anche San Marino che deve ancora ratificare la Convenzione contro la tratta di esseri umani. La Commissione ha approvato all’unanimità una bozza di raccomandazione che chiede al Comitato dei Ministri di riferire entro due anni sull’attuazione dei punti nei quali si articola la strategia a medio termine sulla migrazione.

    La Commissione ha quindi discusso altri aspetti legati al fenomeno migratorio: le discriminazioni, i problemi dei migranti al loro arrivo in Europa, le questioni dei richiedenti asilo e dei minori non accompagnati, il flusso dei migranti irregolari, le migrazioni interstatali.

    Parigi, 30 marzo 2010

    IL SEGRETARIATO