Fumetti: 23 festival fermi, ‘servono misure straordinarie’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Per la prima volta i Festival italiani del Fumetto si uniscono e chiedono al Governo l’adozione di misure straordinarie a sostegno delle manifestazioni escluse dal Fondo Cultura. E’ quanto si legge in una nota firmata dalle più importanti rassegne dedicate alla nona arte che sottolineano: “Le perdite economiche subite dai festival di fumetto italiani nel 2020 sono un dato evidente, determinate da mancata vendita dei biglietti, introito di contributi e sponsorizzazioni, mancati emolumenti a dipendenti e professionisti. Ecco perché le manifestazioni più importanti d’Italia richiedono misure urgenti, puntuali e dedicate”.
        I festival di fumetto, affermano, non sono assimilabili solo a fiere: “sono piattaforme culturali in grado di attirare energie creative, aggregare operatori commerciali e pubblico.
        Trascurarli significherebbe vanificare investimenti pluriennali, annientare i risultati raggiunti sino ad oggi e danneggiare irreversibilmente una filiera produttiva”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte