Sospensione, su nostra iniziativa, del servizio di registrazione delle conferenza stampa del Congresso di Stato.

La redazione, riunitasi virtualmente su messanger, ha deliberato questa sera che a partire dal prossimo Lunedì, non effettuerà più nessuna registrazione delle conferenze stampa del Congresso di Stato, in quanto queste, come vedrete in seguito, sono usate strumentalmente da chi vuole denigrare, anche con epiteti, i nostri Segretari di Stato e l’operato del Governo stesso.

E noi del giornale.sm non possiamo accettarlo; non bastava taluna stampa nostrana ora abbiamo anche giornalisti italiani, che farebbero bene a occuparsi di cose italiane ben più importanti; come la Mafia, l’Andrangheta, la Camorra e la Sacra Corona unita.

Essendo il giornale.sm patriota fino al midollo, – anche se ha sede a Panama, ma abbiamo spiegato il motivo svariate volte – cercando di non dare materiale a chi cerca di distruggere l’immagine di San Marino e del suo Governo, ha deciso uniteralmente e senza pressione di chicchesia di sospendere le registrazioni di dette conferenze stampa.

E’ un vero peccato che per colpa di qualcuno che come al solito ha abusato di uno strumento così utile a tutta la collettività sammarinese, debbano rimetterci tutti i sammarinesi..penso ai nostri immigrati in America che so che sono fedeli visitatori. Mi spiace ma le cose stanno così e molti sammarinesi dovranno fare a meno di detti video e non essere informati tempestivamente dell’operato del loro governo.

Speriamo che in futuro si possa ritornare alla normalità.

Cordiali saluti.

Il Direttore del giornale.sm

qui di seguito potrete vedere come sono state usate le immagini di nostra proprietà.

Queste sono le parole di Roberto Galullo:

‘La settimana scorsa, ricorderete, mi ero commosso come un cammello tunisino alla visione della conferenza stampa del Congresso di Stato (www.giornale.sm). ”

”Non avevo fatto caso che – durante quella stessa conferenza stampa – l’arzillo Marco Arzilli, segretario di Stato per l’Industria, aveva in serbo una chicca. Come cantava Vasco Rossi, mi sono distratto un attimo e l’Arzilli mi ha “fregato” in video.”

”Arzilli me lo sono andato a rivedere in video e chiedo scusa ai lettori che mi hanno scritto per cogliermi in fallo. Annegato tra lacrime di commozione avevo perso il passaggio in cui affermava: “Il nostro Paese non poteva andare avanti senza controlli. Sarebbe andato a finire contro un muro. C’è bisogno di pulizia ed ecco perché ci chiediamo chi siamo, cosa facciamo e questo è un lavoro che continuerà. Licenzopoli è una questione interna, ci stiamo muovendo e speriamo di ottenere risultati. Noi si risponde subito alle pratiche, mentre prima c’erano pratiche che venivano dimenticate nei cassetti per anni”.

‘gustosissima conferenza stampa del 17 agosto 2009”

(http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2009/08/scandalo-licenzopoli-a-san-marino-autocertificazioni-sedi-multiproprietà-e-zeru-cuntrolli-per-le-imprese-e-tremonti.html#comments post delle 15.58 del 28.09.2009.

———

Devo ammetterlo: a seguire su www.giornale.sm la conferenza stampa del Congresso di Stato (cioè il Governo) della Repubblica di San Marino mi sono commosso come un vitello.

Lacrime copiose scorrevano il 17 agosto sul mio viso di cronista nel sentire e vedere – mentre ancora godevo qualche giorno di riposo nella mia Umbria – il pacchetto di mischia governativo sanmarinese mentre elogiava il proprio operato, spernacchiava il Governo precedente e tirava le orecchie all’Italia.

Il tutto condito da simpatici e ironici intermezzi, come quando nel corso della conferenza stampa Antonella Mularoni, segretario di Stato per gli Affari esteri, simpatica come un’ostrica chiusa, ha affermato che “la stampa locale non mette mai in rilievo le cose positive” che accadono nella Repubblica del Titano.

…….se è in grado persino di colpire con virulenza sospettaGabriele Gatti, segretario di Stato per le Finanze e il bilancio di San Marino che, con un sorriso attraente quanto quello di un coyote, ha affermato che “esiste una responsabilità morale di chi dice o riproduce fesserie. Per il futuro è bene che pensiamo a tutelarci perché abbiamo sbagliato ma abbiamo pagato un prezzo fin troppo alto”. Ci consenta Gatti: anche queste simpatiche frasi in Italia le abbiamo sentite profferire più volte, non immaginavamo che anche lì da voi la libertà di stampa fosse così amata!

Augusto Casali, segretario di Stato per la Giustizia e l’informazione, che per l’occasione ha anche messo una cravatta che lo rende ancor più somigliante all’ex allenatore dell’Inter Eugenio Bersellini, ha affermato che “non capisce tutto questo accanimento mediatico contro San Marino e il Governo. San Marino sembra diventato l’ombelico del mondo e sembra quasi che l’Italia abbia fatto lo scudo fiscale per San Marino ma l’impresa criminale più forte al mondo non ce l’ha San Marino”. Per dare dimostrazione di trasparenza cristallina, Casali, alias Bersellini, alias (per la bisogna) Jovanotti, …

…Per non perdere l’occasione di fare bella figura, sul tema delle rogatorie è intervenuto anche Marco Arzilli, segretario di Stato per l’Industria di San Marino. In realtà l’arzillo Arzilli si è mantenuto sul vago ma chi ha orecchie per intendere…

“Qualsiasi Governo – ha affermato – non potrà prescindere da quanto fatto da questo Governo. In precedenza c’erano pratiche che venivano dimenticate per anni nei cassetti. Noi abbiamo tolto la polvere anche alle vecchie pratiche che rimanevano nei cassetti del precedente Governo sammarinese”.

…E LE ROGATORIE DI DE MAGISTRIS DELL’INCHIESTA WHY NOT?

….

Lo avete fatto attraverso le voci ufficiali (e registrate) di Gabriele Gattiche mi ha commosso fino ai singulti (“…siamo pronti contro la malavita organizzata che non è penetrata dentro San Marino ma che ha o ha avuto propaggini…”) e di Antonella Mularoni che mi ha straziato il cuor (“abbiamo la gendarmeria che fa i controlli e abbiamo varato il censimento per sapere chi c’è e cosa fa a San Marino…”)….

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2009/08/san-marino-ribalta-il-tavolo-delle-rogatorie-con-litalia-attacca-su-niki-aprile-gatti-ma-rincula-e-tace-su-de-magistris.html#comments

———

Invito infine il Congresso di Stato a verificare se gli articoli del Sig. Roberto Galullo siano lesivi dell’immagine della Repubblica di San Marino e dei rappresentanti del Popolo Sovrano ovvero i nostri Segretari di Stato ed attivarsi qualora ci siano gli estremi per la diffamazione.

Quando la misura è colma bisogna intervenire, anche per la stampa locale.

Il Direttore del giornale.sm

  • Le proposte di Reggini Auto