Gb: morto sir David Barclay, l’editore di Johnson

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – LONDRA, 13 GEN – E’ morto a 86 anni sir David
    Barclay, comproprietario con il gemello Friederick del Daily
    Telegraph, giornale filo Tory che per anni ha ospitato i corsivi
    dell’attuale premier Boris Johnson contribuendo a farne le
    fortune. La notizia è stata anticipata dal suo stesso giornale,
    secondo il quale Barclay, uomo schivo, ma fra i miliardari
    britannici più influenti, è deceduto in seguito a una breve,
    imprecisata malattia.
        Johnson si è affrettato a manifestare il suo cordoglio in un
    messaggio in cui ha espresso “rispetto e ammirazione” per lo
    scomparso, attribuendogli il merito d’aver a suo tempo “salvato”
    dalla crisi la storica testata londinese, di aver “creato
    migliaia di posti di lavoro nel Regno Unito” e – in riferimento
    alla comune battaglia pro Brexit – d’aver “creduto
    appassionatamente nell’indipendenza e nelle potenzialità di
    questo Paese”.
        Titolari di un patrimonio stimato dal Sunday Times nel 2020
    in 7 miliardi di sterline e a capo di un impero che spazia –
    oltre all’editoria – dagli hotel alla grande distribuzione, i
    fratelli Barclay (entrambi sir, per aver ricevuto il cavalierato
    dalla regina) sono stati per anni simbolo di una riservatezza
    leggendaria, di un potere coltivato rigorosamente dietro le
    quinte. Non sono tuttavia sfuggiti negli ultimi tempi alla saga
    scandalistica di uno scontro familiare tra i rispettivi eredi:
    con tanto di sospetti di spionaggio incrociato e cimici trovate
    in uno dei loro appartamenti privati all’hotel Ritz di Londra,
    gioiello della corona delle proprietà alberghiere del casato.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte