GHIACCIO E NEVE …ma a rugby si gioca!!!!!

  • Le proposte di Reggini Auto

  • FOLIGNO RUGBY  20  RUGBY SAN MARINO 7

    Niente da fare , il Rugby San Marino ce la mette tutta, ma le defezioni oramai preoccupanti, tanti infortunati MENIN, GIARDI DAVIDE, BERTUCCINI, CAPPELLETTI, MARCHETTI, LUCA FELICI a casa con la febbre, MAIANI fuori per squalifica, insomma l’equipe sammarinese perde questo recupero con il Foligno Rugby, mettendoci il massimo impegno, con qualcosa da recriminare su un arbitraggio quantomeno discutibile. Ma tanto di cappello alla squadra ospite , per l’agonismo , per la tecnica, e per l’impegno profuso. Il campo di Chiesanuova era in condizioni al limite del regolamento, ghiaccio e neve  e fango sovrastavano gran parte del terreno di gioco, ma il RUGBY è il RUGBY si gioca . Il Foligno Rugby tenta subito l’attacco a sorpresa , nei primi minuti la linea dei 22 sammarinese è occupata prevalentemente dagli avversari, che sono bene organizzati. qualche svista arbitrale fà prevalere qualche nervosismo , infatti le ammonizioni che conteranno alla fine del match, sono tutte a sfavore dei sammarinesi, che con un uomo in meno temporaneamente sono ancora  più in difficoltà. La prima meta del Foligno arriva al 20″ con una corsa sulla linea e un calcio strano alla palla ovale che arriva in meta , come “fosse un gol”. Prima della meta il Foligno aveva segnato su punizione i primi 3 punti . La compagine del Rugby Club San Marino non riesce a tener testa alle continue pressioni sui centrali che il Foligno esercita in modo continuo e ossessivo. Arriva dunque ancora un calcio di punizione per un fallo inesistente fischiato per fuorigioco dei sammarinesi. Il primo tempo si chiude con il punteggio di 20 a 0 per gli Umbri . Nel secondo tempo il punteggio pre la squadra ospite non si modificherà più , infatti è il Rugby Club San Marino che cerca il riscatto , ma la neve , il fango la stanchezza stroncano le gambe ai ragazzi di Flores, alla metà della ripresa iniziano le girandole dei cambi , il Foligno Rugby cambia 5 giocatori, il Rugby Club San Marino quattro, escono infortunati Giacomo Rossi e Jonathan Bruschi , e l’innesto di Gentili, Borroni , Moretti e Agostini , danno una mano ai trequarti per la realizzazione della meta di THomas Borroni negli ultimi minuti della partita , dopo una pressione forte e costante , con la realizzazione del calcio sulle acca di Carlo Terenzi, il punteggio si chiude su 20 a 7 per gli ospiti. Anche questa è esperienza , campo impossibile, squadra in emergenza, arbitraggio quantomeno discutibile, ma farà bene al Rugby Club San Marino imparare anche da queste vicissitudini , per portare lo spirito del rugby sempre più in alto in Repubblica.

    IL TERZO TEMPO SI E’ SVOLTO ALLA DIVINA COMMEDIA di ALBERTO TERENZI , grande tifoso del rugby.

    Domenica prossima ,22 febbraio ,il Rugby Club San Marino andrà a giocare in casa del CITTA’ DI CASTELLO altra partita tosta e difficile.

    dal campo di CHIESANUOVA stadio del rugby

    GIORGIO FELICI