GIOVANNI GHIOTTI (csdl): San Marino nella white list: una importante spinta per uscire dalla crisi

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Con questo primo importante risultato decadono buona parte delle ragioni di fondo, circa le prospettive generali del paese, poste dall´ANIS e dalle Associazioni bancarie alla base della mancata firma all´accordo tripartito del 9 luglio

    “È una buona notizia per tutto il paese e per la sua economia”, commenta a caldo il Segretario Generale CSdL Giovanni Ghiotti a proposito dell´ingresso di San Marino nella white list del Moneyvall. “Questo importante obiettivo – afferma Giovanni Ghiotti – unitamente alla predisposizione da parte del Governo di un progetto di sviluppo innovativo, può consentire al nostro paese di recuperare un clima di fiducia a livello internazionale, venuto a meno per lungo tempo, necessario per attirare a San Marino nuovi investimenti economici, per far sviluppare nuove realtà produttive capaci di rilanciare l´economia e creare nuovi posti di lavoro, per consentire al paese di uscire quanto prima dalla crisi.”

    “Questo risultato – aggiunge il Segretario Generale CSdL – fa decadere buona parte delle ragioni di fondo, circa le prospettive generali del paese, poste dall´ANIS e dalle Associazioni bancarie a motivazione della loro mancata firma all´accordo tripartito siglato il 9 luglio, che comprende anche il rinnovo del contratto dell´industria e degli istituti di credito. Per cui, alla luce di questo primo importante traguardo, viene ulteriormente rafforzato e confermato dai fatti il nostro invito all´ANIS e alle Associazioni bancarie ad assumersi responsabilità di carattere generale, firmando rapidamente l´accordo tripartito, e chiudendo così la partita contrattuale.”

    “A questo punto – conclude Giovanni Ghiotti – il Governo deve raggiungere rapidamente, con contenuti positivi, i necessari accordi con l´Italia contro le doppie imposizioni e in materia  valutaria, anch´essi di fondamentale importanza per ridare ossigeno all´economia e per superare ogni difficoltà sul piano dei rapporti bilaterali con questo paese che rappresenta il principale partner economico, finanziario-valutario e commerciale di San Marino.”

     

                                          

     

    Ufficio Stampa