Governo? Macchè! tutto rimandato a Domenica mattina.

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Doveva essere la riunione decisiva, quella che avrebbe definito la squadra di Governo, ma dall’ultimo vertice del Patto esce una fumata nera. Tutto rinviato, probabilmente a domenica mattina, quando le quattro forze torneranno ad incontrarsi.

    Stando alle indiscrezioni sembra ci siano ancora riserve da sciogliere, qualche spigolo da smussare. Ufficialmente però si parla di questioni da approfondire, della ricerca della massima condivisione, della discussione da parte di ognuna delle forze della coalizione all’interno dei propri organismi. Le voci di corridoio parlano di qualche tensione sul punto più delicato, quello del rinnovamento. E’ un tema aperto che si intende affrontare nel suo aspetto complessivo, completare la riflessione avviata. “Nessun veto” ribadisce Alleanza Popolare che su questo punto ha sempre messo l’accento, confermando che il confronto prosegue.
    Anticipata a sabato pomeriggio l’assemblea di Ap, che dovrà esprimersi sui ragionamenti che hanno segnato il tavolo del Patto. La stessa cosa dovranno fare gli altri alleati e domenica mattina ci si rivedrà per un nuovo confronto.
    Mercoledì, con tutta probabilità, la Reggenza incaricherà la Democrazia Cristiana di formare il Governo e la lista dei nomi che comporranno il Congresso di Stato dovrà essere completata. Fatto salvo per Antonella Mularoni agli Esteri, Valeria Ciavatta agli Interni e Gabriele Gatti alle Finanze, che sembrano le uniche tre Segreterie quasi certe, per le altre si resta ancora nel campo delle congetture. Giancarlo Venturini al Territorio, Gian Marco Marcucci al Lavoro, Romeo Morri alla Pubblica Istruzione, Augusto Casali alla Giustizia, Claudio Podeschi alla Sanità, Fabio Berardi al Turismo, Marco Arzilli all’Industria.
    Sono voci che si fanno però sempre più insistenti. Nodi che si sarebbero dovuti sciogliere oggi ma per l’assestamento definitivo si dovrà attendere ancora qualche giorno.

    fonte:rtvsanmarino