Greta mangia pane in plastica e frutta fuori stagione. E i social si scatenano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’attivista svedese contro i cambiamenti climatici , greta Thumberg, nel mirino degli utenti per una fotografia pubblicata a gennaio

Lei è la ragazza del momento. Treccine, viso pulito e 800mila follower su Instagram. La sua protesta del venerdì (#Fridaysforfuture) a difesa dell’ambiente ha smosso centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo e ormai non si fa che parlare di Greta Thunberg.

L’attivista svedese si è presa la scena pubblica sul cambiamento climatico e da giorni è sulle prime pagine di tutti i giornali.

Tutto molto bello. C’è anche però chi contesta la giovane svedese e ne sottolinea alcuni aspetti controversi. Secondo Andreas Henriksson, noto giornalista d’inchiesta svedese, spiegavano Gli occhi della Guerra, “lo sciopero scolastico altro non era che parte di una strategia pubblicitaria più ampia per lanciare il nuovo libro della madre di Greta”. Secondo il quotidiano conservatore Weltwoche, invece, “la ricerca da parte dei media più critici ha dimostrato, tuttavia, che il suo successo è dovuto in gran parte all’esperto svedese Ingmar Rentzhog, che ha buoni contatti con diverse organizzazioni. Quattro giorni dopo che Greta aveva iniziato il suo sciopero sul clima, è stato presentato il libro della madre”.

Anche i social non hanno mancato di criticare la piccola Greta. A scatenare gli utenti è stata una fotografia, autentica – non come tante altre fake -, in cui l’attivista svedese è in viaggio per partecipare al World Economic Forum di Davos. Il viaggio lo fece in treno, ben 32 ore sul vagobe. Lo scatto mostra Greta mentre mangia un panino sul vagone. Sul tavolo però ci sono il pane in busta di plastica, due banane e alcune bottiglie di metallo. “La tipica ambientalista nord europea – scrive un utente sotto la foto – mangia cibo fuori stagione come le banane, usa plastica. Questa foto descrive perfettamente il genere di persone che partecipa a questi movimenti. Sei solo un altro giocattolo di una grande e ipocrita macchina lava-cervelli“. E ancora: “E no cavolo, facile ripondere cosi, ti prendi la tua insalatina da casa avvolta in un panno di canapa fatta in casa bevi solo acqua di rubinetto che ti porti da casa in una bottiglia di vetro reciclato, usi le tue forchette di legno e togliti tutto quello che hai adosso con fibre sibtetiche, le scarpe compresese, e quando arrivi in stazione al congresso vacci a piedi o in bicicletta che ti fa bene, ah, ricordati che la bici é fatta con materiali a impatto ambientale come li pnumatici le plastiche e la vernice . Ok?“.

Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com