I figli danno battaglia per l’eredità di Leonard Cohen

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – NEW YORK, 15 DIC – I figli di Leonard Cohen danno
    battaglia per l’eredità del cantante di ‘Hallelujah’: Lorca
    Cohen e il fratello Adam sostengono che Robert Kory, l’avvocato
    che controlla il Leonard Cohen Family Trust dalla morte del
    musicista, non li ha informati puntualmente sull’ammontare delle
    sue finanze e presumibilmente ne ha preso il controllo con la
    frode.
        Cohen e’ morto nel novembre 2016 a 82 anni e nelle ultime
    settimane di vita aveva espresso riserve sul conto del legale.
        Difesi in tribunale da Adam Streisand, il cugino di Barbra
    Streisand, Adam e Lorca Cohen sostengono che Kory ha estorto al
    padre la firma sul documento che con cui gli fu affidato un
    controllo senza precedenti sull’eredita’ del musicista quando
    Leonard, in punto di morte, era sotto l’effetto pesante dei
    farmaci.
        Cohen aveva incontrato l’avvocato nel 2004 dopo che il suo
    precedente manager lo aveva defraudato di oltre cinque milioni
    di dollari in diritti d’autore lasciandolo praticamente sul
    lastrico. Era stato a questo punto che il legale era entrato in
    gioco, “insinuandosi in ogni aspetto della vita professionale e
    personale” del cantautore canadese.
        Secondo i fratelli, le finanze del trust restano tuttora
    opache e Kory, ad esempio, non li ha informati sullo stato dei
    diritti d’autore derivanti dalla pubblicazione di un romanzo
    postumo scritto dal padre.
        Kory nega per parte sua ogni addebito insistendo di essersi
    preso carico del trust “perche’ Leonard non riteneva che i figli
    fossero in grado di collaborare per gestire l’eredita’”.
        Il trust, per un valore di 48 milioni di dollari, gestisce i
    diritti d’autore dei brani del cantautore, delle poesie, dei
    romanzi e di oltre 8 mila fotografie che Cohen ha prodotto nel
    corso della vita artistica. L’azione legale è stata presentata
    davanti alla Superior Court di Los Angeles. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte