Il centrodestra domina e doppia la sinistra: disastro Letta

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Nuova rilevazione statistica per la supermedia Agi/YouTrend, che ancora una volta conferma lo straordinario risultato della coalizione di centrodestra, che doppia matematicamente quella di sinistra. Un risultato netto che rimarca ancora una volta la preferenza degli italiani nei confronti del gruppo che è risultato vincente alle elezioni del 25 settembre. Infatti, la coalizione di centrodestra domina su tutto il fronte con il 46% delle preferenze degli intervistati, mentre la coalizione di sinistra deve accontentarsi del 23% scarso delle preferenze per la precisione del 22.8%.

    A due mesi dal voto, continua a crescere il partito di Giorgia Meloni. In molti avevano scommesso su una flessione del consenso subito dopo il voto ma, nonostante l’esecutivo guidato da Fratelli d’Italia abbia già effettuato alcune mosse politiche, approvando la manovra di bilancio e con il decreto sulle Ong, non solo FdI non ha subito un decremento nelle preferenze ma è addirittura cresciuto. Come testimonia la supermedia, infatti, il partito di Giorgia Meloni gode ora del 29.6% dei consensi, con un incremento di mezzo punto rispetto alla rilevazione precedente. Pressoché stabili la Lega e Forza Italia, rispettivamente all’8.4% e al 6.9%. La coalizione si dimostra sempre più solida anche perché, nonostante gli strepiti della sinistra, sta mantenendo le promesse fatte in campagna elettorale, seguendo una linea di coerenza che non è mai esistita nei precedenti governi guidati dal Pd e dalla sinistra.

    Tutti i partiti di sinistra, invece, registrano una riduzione rispetto alle rilevazioni precedenti della supermedia Agi/YouTrend. Il Pd è in discesa e ora si attesta al 16.6%, Verdi/Sinistra italiana galleggiano sulla linea del 3.7% mentre +Europa deve accontentarsi del 2.5%. Il Partito democratico guidato da Enrico Letta è stato mandato completamente allo sbando con un mix di delusione e rassegnazione per i suoi elettori, molti dei quali sono diventati ex. Lo dimostra il fatto che il Pd sia stato superato dal Movimento 5 stelle, che solo a giugno si trovava pericolosamente sulla linea del 10% e che ora, invece, si attesta al 17.7%. Uno smacco enorme per Enrico Letta, che ha regalato moltissimi voti a Giuseppe Conte. Il Terzo polo, ossia l’alleanza tra Azione! di Carlo Calenda e Italia viva di Matteo Renzi si trova ora al 7.7%.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte