IL CHIARIMENTO DEL GOVERNO SULLA NOMINA DI PIER PAOLO CIAVATTA A CAPO SERVIZIO TRASPORTI

  • Le proposte di Reggini Auto

  • La Segreteria AAEE, con delega ai trasporti, dopo nove mesi dall’insediamento ha deciso di seguire direttamente il settore dei trasporti avendo riscontrato che la passata gestione era del tutto insoddisfacente. Chi lo seguiva per conto del Governo, era il Capo Servizio Trasporti dell’AASS che aveva chiesto ed ottenuto dal Governo Straordinario una apposita indennità che l’attuale Esecutivo gli ha invece  revocato (in linea con altre decisioni identiche).
    Si comprende la delusione dell’interessato (e di chi ha beneficiato della situazione precedente), delusione che però sarebbe maggiore se fossimo costretti a fare l’elenco delle mancanze.
    La Segreteria ha constatato fin da subito (verificandolo poi nel tempo)  il mal funzionamento dei trasporti anche a seguito di innumerevoli segnalazioni da parte di genitori e comitati a fronte di costi altissimi; ha ereditato decisioni  che hanno comportato cospicui oneri (basterebbe pensare alla confusione creata negli appalti degli scorsi anni!!!); ha dovuto subire situazioni di fatto che non hanno dato vie d’uscita. Nonostante ciò non è stato creato alcun nuovo ufficio né un nuovo dirigente.
    Ma siccome tutte le scelte (anche quelle compiute da altri) ricadono bene o male sul governo e sulla politica, si pensa effettivamente di distaccare l’ing. Ciavatta presso la Segreteria con delega ai trasporti, come consentito per legge e prassi nell’ambito dei distacchi che i vari segretari possono fare nei confronti di persone di loro fiducia. Ma  di livello né indennità, neppure quella in passato riconosciuta a Zonzini.
    Sulla competenza dell’Ing Ciavatta non vi sono dubbi sia per il titolo di studio sia per l’esperienza maturata. Inoltre, la collaborazione dallo stesso fornita per la viabilità al confine di Dogana è la migliore smentita alle accuse: infatti,  per il cantiere di Fondovalle, non ci sono stati particolari  disagi nonostante il perdurare dei lavori e l’impatto dell’intervento sulla situazione stradale.
    L’infelice ed ingiustificato attacco è pertanto, da respingere.