IL PSRS PRENDE POSIZIONE SULLA CONCESSIONE DI RESIDENZE AD IMPRENDITORI CHE INVESTONO IN REPUBBLICA

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Negli ultimi giorni si è sviluppato un interessante dibattito sul tema della concessione di residenze in seguito alla proposta avanzata da E.C.S.O., un’associazione composta prevalentemente da giovani sammarinesi, impegnati nel campo dell’imprenditoria e delle libere professioni. E’ giusto che la politica utilizzi la necessaria prudenza di fronte ad un argomento di siffatta delicatezza, ma l’idea di produrre un intervento legislativo che consenta di individuare criteri oggettivi tramite i quali concedere la residenza ad imprenditori seri e a professionisti di alto livello, eliminando tutti gli ambiti di discrezionalità esistenti attualmente, deve essere valutata con grande attenzione.
    In tal senso, il Partito Socialista Riformista Sammarinese valuta positivamente la possibilità di intraprendere l’iter legislativo teso all’approvazione di una nuova normativa in materia di residenze e permessi di soggiorno, che possa permettere a certe figure imprenditoriali e professionali di stabilirsi in modo effettivo in territorio. La nuova normativa dovrà contenere regole precise e trasparenti, che, da un lato, dovranno consentire il superamento del regime discrezionale, che oggi fa totalmente capo al governo e che, dall’altro lato, dovrà contrastare con decisione i vari abusi, soprattutto le residenze di comodo. Per il Partito Socialista Riformista Sammarinese è indispensabile stabilire a priori i requisiti oggettivi mediante i quali si dovranno individuare gli imprenditori e i professionisti che ne potranno beneficiare annullando, in questo modo, ogni possibile “maliziosa scorciatoia” tanto cara ai vecchi politicanti, che in passato hanno dimostrato poca lungimiranza e molta discrezionalità, talvolta pilotata da interessi di parte. Il Partito Socialista Riformista Sammarinese è consapevole che questo tema debba essere affrontato con grande prudenza ed attenzione, ma a nostro avviso è arrivato il momento di compiere alcune scelte strategiche di fondo che diano al nostro Paese l’opportunità di vivere una nuova stagione di sviluppo e di crescita economica e sociale.
    Per queste ragioni prendiamo atto favorevolmente del deciso cambio di rotta di alcune forze politiche del Patto per San Marino che su questo tema, nella scorsa legislatura con maggioranza Psd, Ap, Su e DdC, avevano mostrato una netta posizione di chiusura, accusando gli allora alleati socialisti – in gran parte ora nel Partito Socialista Riformista Sammarinese – di voler “svendere” il Paese, concedendo residenze a destra e a manca. Non era così e oggi i fatti dicono chiaramente che i socialisti avevano visto giusto.
    A tal proposito, il Partito Socialista Riformista, nel constatare che una bozza di progetto di legge in materia di residenze e permessi di soggiorno è già sul tavolo dei partiti dell’attuale maggioranza, afferma la propria disponibilità ad offrire un contributo propositivo al fine di elaborare un intervento legislativo serio ed equilibrato, che possa sintetizzare nel miglior modo possibile le stringenti esigenze di sviluppo e di crescita del sistema economico sammarinese con le legittime richieste di sicurezza e di vivibilità dei nostri concittadini.