Il San Marino chiude l’anno alla grande

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il Presidente De Luigi a tutto campo: “Un bel regalo il Natale fuori dai play out e al mercato completeremo la squadra.”. Quando finalmente è girato il vento, quando il passo ha preso ad essere quello di carica arriva la sosta. Da un lato un peccato, dall’altro c’era comunque la necessità di tirare il fiato: “E anche di recuperare i tanti infortunati. Sì, fermarci adesso non fa male”.
 
E’ contento il Presidente che subito si rivolge alla squadra: “Non credevo di poter fare Natale fuori dai play out e ringrazio il tecnico ed i ragazzi per l’impegno con il quale hanno lavorato ottenendo ottimi risultati. Sono contento per gli attaccanti, come sapete ero sicuro che prima o poi i gol sarebbero arrivati, e sono contento per qualche giocatore in particolare che è riuscito a dare la sterzata al suo campionato. Chiopris Gori e Turchetta, ma anche Grassi per non dire della crescita di Audel e ovviamente di Longobardi. Ma dovrei citarli tutti. Abbiamo un ottimo gruppo guidato da un tecnico che si è approcciato con umiltà e intelligenza. Ha studiato le caratteristiche dei giocatori e poi ha scelto modulo e correzioni. E’ stato bravo”.
Una trasformazione tale da mettere in discussione le linee di mercato o no? De Luigi è molto chiaro: “No, i ragazzi e il mister stanno facendo il massimo e anche noi dobbiamo fare di tutto per completare l’organico. Come deciso da tempo dobbiamo mettere a disposizione al più presto un altro attaccante e poi vedremo cosa altro fare”. E in uscita, specie se arrivassero richieste per i giocatori importanti, come si muoverà il San Marino: “Non c’è l’intenzione di cedere i pezzi migliori a meno che non siano loro ad avere questa esigenza. Ma oggi mi sento di dire che il San Marino in uscita dovrà cercare di trovare la sistemazione a chi ha giocato di meno, a chi fatica a ritagliarsi spazi”.
Tra questi c’è anche Aldo Simoncini: “Mi dispiace –sospira De Luigi- e capisco la sua amarezza. Però sbaglia i toni perché “tradimento” è una parola forte. Noi abbiamo avuto due allenatori e se nel precampionato era stato dato un certo indirizzo, poi nel corso della stagione le scelte competono solo al tecnico. Il calcio ha le sue regole. Io credo che Aldo stia lavorando seriamente e stia migliorando molto ,ma se non se la sente di restare faremo di tutto per aiutarlo a trovare squadra”.

Roberto Chiesa

Lo Sportivo

www.losportivo.sm

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com