In Congresso la nomina del presidente della Banca Centrale di San Marino

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Il governo fa il punto sulle candidature dopo le sollecitazioni giunte dalle categorie economiche per risolvere al più presto questa emergenza. All’ordine del giorno dell’Esecutivo anche il contratto del pubblico impiego dal momento che entra nella fase più calda la trattativa con le organizzazioni sindacali tra l’altro anche la neonata unione sammarinese dei lavoratori ha chiesto di entrare al tavolo del confronto.

    Il governo alle prese anche con la scuola, con un riferimento del segretario competente Morri, dopodiché ci sarà l’esame delle diverse pratiche di carattere amministrativo alle quali è chiamato a rispondere l’esecutivo.

    Presidente BCSM: la mancata nomina preoccupa le categorie economiche

    Un problema urgente, rinviato di un altro mese. E’ il dato di fatto con il quale fanno i conti le categorie economiche alle prese con i problemi contingenti dei loro associati, che ogni giorno tempestano di telefonate la sede centrale per lamentare problemi di mancanza di ordini, difficoltà nei pagamenti, impossibilità di richiedere prestiti.

    Assoindustria ha lanciato l’allarme, e per voce del presidente, condivide il principio del Governo che ruoli chiave, quale quello di presidente di Banca Centrale, debbano essere ricoperti da personalità autorevoli e soprattutto in grado di rapportarsi con gli omologhi internazionali. “a fianco di questi – aggiunge Piergiovanni Terenzi – vanno inseriti dei giovani sammarinesi che abbiano le potenzialità per poter crescere al loro fianco”.

    La figura di Antonio NIkolakopoulos per gli industriali, deve andare in questo senso. I contatti tra esecutivo e categorie economiche sono ormai quotidiani, ma il problema è ancora più urgente: “ slittare di un altro mese la nomina non fa altro che aggravare la situazione – rincalza il presidente di Osla Teresa Venturini – ogni giorno riceviamo telefonate dei nostri associati sempre più preoccupati”. E su tutto lo spettro dei dati di febbraio su cassa integrazione e mobilità. Non sono stati resi noti, ma sono in aumenti rispetto ai 1600 di gennaio
    Fonte:San Marino RTV