Incontro a Berlino, San Marino non è tra i paradisi fiscali

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Il vertice dei leader europei a Berlino sceglie una linea di rigore per contrastare la crisi economica e tra i punti d’azione: la lotta ai paradisi fiscali, colpevoli di nascondere qualcosa come 5-7 mila miliardi di dollari. Nella lista dell’Ocse non compare San Marino, alla luce di un accordo stipulato tra le due parti, mentre la Svizzera è la principale indiziata, con i recidivi Monaco, Andorra e Liechtestien.
    Tra gli altri punti d’intesa controlli più severi per i fondi speculativi, gli hedge fund, più soldi al Fondo Monetario Internazionale per gestire l’emergenza e stipendi controllati ai supermanager. Questa volta, dunque, il regime sanzionatorio che l’unione intende mettere in campo non ci riguarda. Resta valido però il discorso di avvicinamento a tappe al nuovo esame del Moneyval di settembre e a un comportamento più virtuoso che ci permetta di entrare nella White List.

    Fonte: San Marino RTV