Incontro Governo-sindacati, tanti i temi affrintati

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Bilancio dello Stato, politica economica, proposte sul progetto di legge per la riforma della Pa, sul rinnovo del settore pubblico e precariato. Questi i temi dell’incontro tra Governo e Sindacati.
    Il Segretario agli Interni ha confermato la volontà dell’Esecutivo di spingere sull’acceleratore della riforma della Pa. “Il momento è critico ed occorre tener conto della situazione bancaria e finanziaria, del rischio di crisi delle aziende e dell’occupazione. Non va dimenticato – ha proseguito Valeria Ciavatta – che nel bilancio dello Stato ci sarà un calo delle entrate Igr e monofase, quindi si dovrà anche considerare la compatibilità di bilancio e con gli altri settori”.
    La difficile congiuntura economica non dovrà però ricadere sui costi sociali. Lo ha rimarcato Romeo Morri, che ha invitato ad essere realisti e a guardare al di là delle considerazioni politiche e sindacali. Perché la recessione c’è ed è sotto gli occhi di tutti. “Ma il precariato non lo dimentichiamo – ha detto – e la scuola ha bisogno di investimenti.” E proprio sulla questione del precariato si è soffermato il Segretario al Lavoro. “ Lo teniamo in considerazione – ha detto Gianmarco Marcucci – anche nella sua accezione di disagio sociale e giovanile. Il Governo – ha proseguito – si sta prodigando per dare una risposta in tutti i settori: occorre valorizzare l’impiego e il posto di lavoro, tutelare il salario, ma tutto ciò va valutato alla luce di quelle che sono le dinamiche del Bilancio dello Stato, in cui deve essere inserita la struttura degli ammortizzatori sociali”. Il Segretario Giancarlo Venturini ha infine sottolineato l’importanza dell’atto organizzativo dell’Iss, che dovrà essere tenuto in particolare attenzione.

    Fonte: San Marino RTV