Irregolare con reati alle spalle: chi è il terrorista che ha aggredito il militare

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’immigrato ha colpito alla gola un militare in servizio per l’operazione Strade sicure. È stato arrestato per attentato terroristico. Aveva il permesso di soggiorno scaduto

Ieri mattina, intorno alle 11, il caporale scelto Matteo Toia, in servizio per l’operazione Strade sicure è stato aggredito in piazza Duca D’Aosta a Milano da un immigrato.

La piazza della Stazione Centrale si è trovata di fronte all’ennesima scena agghiacciante. L’autore della folle violenza, lo yemenita Mahamad Fathe di 23 anni, ha colpito alla gola il militare con delle forbici. L’aggressione è avvenuta alle spalle e per il militare è stato impossibile difendersi.

Subito dopo l’attacco, l’immigrato è stato bloccato grazie all’intervento del terzo battaglione Lombardia e a quello di un 52enne senegalese, residente a Milano, che passava per la piazza. Dopo il placcaggio, il folle ha urlato più volte “Allah Akbar! Allah Akbar!”, l’urlo dei terroristi. E proprio in serata, dopo l’interrogatorio col pm Alberto Nobili, responsabile del pool dell’antiterrorismo della Procura di Milano, l’immigrato è stato arrestato per attentato con finalità terroristiche, lesioni, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Si è trattato di terrorismo, dunque. E durante l’interrogatorio, il folle si è “giustificato” di dicendo che con l’aggressione al militare avrebbe voluto “raggiungere il paradiso di Allah”.

Dopo il fermo dell’immigrato, sui social ha iniziato a circolare il video choc dell’aggressione.Il filmato viene pubblicato da un gruppo Facebook pubblico russo e fa rabbrividire. A girare l’agghiacciante video potrebbero essere stati alcuni turisti russi. Nei minuti registrati viene ripresa la folle aggressione ai danni del militare Toia. Un’aggressione avvenuta in pieno giorno e in pieno centro. Un’aggressione (l’ennesima) ai danni delle forze armate.

Chi è il terrorista

Lo yemenita era irregolare sul territorio italiano in quanto in possesso di un permesso di soggiorno ormai scaduto. Inoltre – da quanto raccolto da ilgiornale.it – era anche già stato denunciato dai carabinieri della radio mobile per minacce e resistenza a pubblico ufficiale. Proprio ieri, infatti, prima dell’aggressione, l’immigrato si era rifiutato di scendere dalla tettoia antistante il centro per migranti di via Sammartini e così era arrivata la denuncia. Poi è scattata la folle aggressione e ora si trova dietro le sbarre.

Il Giornale.it
  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com