Kenya, uccisa un’italiana durante una rapina in villa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Prima il marito, poi la donna, sarebbero stati barbaramente percossi dagli aggressori a colpo di panna e bastone.

    Tragica rapina in villa per una coppia di italiani. È accaduto in Kenya. I due sono stati aggrediti nel loro chalet a Kikambala: lei, Maria Laura Satta 71 anni, è rimasta uccisa, il marito, Luigi Scassellati, 72 anni, è gravemente ferito, secondo il racconto fatto in prima persona dal loro vicino di casa, Franco Nofori, al sito “Africa Express”, di cui è corrispondente.

    La notizia della morte della donna e del ferimento del marito è stata confermata dalla Farnesina. A quanto scrive Nofori, i due, per anni titolari di un’affermata azienda per macchine da ufficio a Cremona, vengono aggrediti intorno alle sei di mattina a colpi di panga e di bastone nella casa dove da quando sono in pensione trascorrono metà dell’anno. Poi, quando gli aggressori se ne vanno dopo aver messo sottosopra l’alloggio, giacciono a terra per ore, fino a quando, a mezzogiorno, un amico preoccupato perché la coppia non risponde al telefono raggiunge la casa e si accorge di quanto è successo, attirando l’attenzione anche di Nofori, che dunque si trova in prima persona di fronte alla tragica scena. A quanto riferisce Nofori, l’uomo, trasportato al Mombasa Hospital, viene dichiarato non in pericolo di vita, ma, racconta, “al momento in cui scrivo è ancora in profondo stato di shock e proferisce solo parole confuse e prive di senso compiuto”. Per lei, invece, non c’è stato nulla da fare.