LA CAMERA DI COMMERCIO AL MATCHING: “ESPERIENZA POSITIVA”

  • Le proposte di Reggini Auto

  • “Un’esperienza indubbiamente positiva che ci ha permesso di presentare al meglio la realtà economica sammarinese e di instaurare decine e decine di nuovi contatti con imprenditori  fortemente interessati ad effettuare investimenti nel nostro Paese”. Questo il commento di Massimo Ghiotti, Direttore Generale della Camera di Commercio, alla chiusura di Matching 2009, la fiera organizzata dalla Compagnia delle Opere per favorire il business tra imprenditori, e che per tre giorni ha impegnato il Direttore Ghiotti e l’Assistente di Direzione Marco Macina, nella promozione del sistema San Marino. Una partecipazione che ha richiesto un lavoro di  preparazione molto intenso da parte di tutto il personale dalla Camera di Commercio negli ultimi mesi: dall’allestimento dello stand alla pianificazione dell’agenda degli appuntamenti, dalla comunicazione all’organizzazione del workshop.
    Un duro lavoro che però ha dato i suoi frutti, visto che il Direttore riferisce una media di venti imprese al giorno che,  nel corso degli incontri, hanno manifestato un concreto interesse ad investire nel nostro Paese. Senza contare tutti coloro che senza appuntamento prefissato si sono fermati presso lo stand per richiedere informazioni relative alle attività economiche, alla fiscalità e alle opportunità di investimento e che hanno trovato un’efficace e puntuale risposta nel materiale informativo già da tempo predisposto dalla Camera di Commercio: le Schede Paese, redatte in italiano e inglese, e le brochure “San Marino, your business partner”, disponibili anche in lingua tedesca.
    Un’organizzazione capillare  quindi, che ha nuovamente visto la collaborazione tra la Camera di Commercio e la Segreteria di Stato per l’Industria, l’Artigianato e il Commercio per affrontare la crisi economica insieme alle imprese sammarinesi, puntando su innovazione e internazionalizzazione, ponendo l’accento sulle potenzialità della nostra Repubblica, e soprattutto sulla forte volontà di favorire un’economia sana, competitiva, basata su qualità e tipicità.