La fitta agenda del nostro Segretario degli Esteri

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Nella giornata di ieri il Segretario Mularoni ha preso parte alla colazione offerta alle donne Capo di Stato, Capo di Governo e Ministro degli Esteri dal Segretario di Stato degli Stati Uniti d’America, Hillary Clinton. L’incontro si è rivelato un’occasione proficua per discutere il tema delle donne come promotrici del cambiamento economico e sociale. Se da una parte è stata condivisa l’idea che il coinvolgimento delle donne a tutti i livelli della società sia indispensabile alla soluzione delle maggiori sfide che il mondo deve affrontare, dall’altra, la condizione preliminare affinché questo avvenga è stata individuata nell’accesso all’istruzione.

    Dopo la colazione, il Segretario Mularoni ha proseguito gli incontri bilaterali con altri paesi dell’area caraibica: Saint Kitt and Nevis e St. Vincent and the Grenadines, con cui si avvieranno presto i negoziati per accordi di collaborazione in materia fiscale secondo gli standard OCSE; lo stesso intento è stato dichiarato anche dal Vice Ministro degli Esteri del Guatemala. Sono seguiti, poi, gli incontri con i Ministri degli Esteri di Ungheria e Finlandia, con i quali si è parlato della partecipazione ai principali organismi internazionali e di una maggiore integrazione di San Marino all’interno dell’Unione Europea. Inoltre, con l’Ungheria si è ricordata la recente firma dell’accordo contro le doppie imposizioni, mentre con la Finlandia si è ribadito l’impegno a addivenire, in tempi brevi, alla firma di un accordo per lo scambio di informazioni in materia fiscale.

    Oggi la fitta agenda del Segretario Mularoni prevede la prosecuzione degli incontri bilaterali con altri Stati, tra cui alcuni paesi asiatici.