“La ragazza bianca è tornata…”. Così è scatta la trappola fatale per Desirée

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Desirée, vittima dell’orrore messo in scena da un branco senza scrupoli, è stata portata nella tana dei suoi aguzzini con un trucco

Una vera e propria trappola che l’ha portata alla morte. Desirée, vittima dell’orrore messo in scena da un branco senza scrupoli, è stata portata nella tana dei suoi aguzzini con un trucco.

Le hanno promesso droga per poi abusare di lei. Come riporta il Corriere a dare il via all’incubo è una frase pronunciata da uno dei suoi aguzzini: “La ragazzina binaca è tornata per la droga. Ed è disponibile”. Desy entra in quello stanzone di un palazzo abbandonato a San Lorenzo e comincia ad assumere stupefacenti. I quattro clandestini non la perdono di vista nemmeno per un momento. Sono lì, attorno a lei. Le danno del vino e droga. Poi crack ed eroina.

Le danno praticamente di tutto. Così la 16enne comincia a perdere i sensi. Il branco si prepara allo stupro. Desy si accascia su un materasso, ormai è quasi svenuta. Inizia l’orrore. A turno abusano di lei. La trattano come fosse una bambola di pezza. Nessuna pietà per quel corpo ormai abbandonato alle sostanza stupefacenti. Le violenze proseguono per ore. Poi Desy resta da sola a morire. Quando arriva l’ambulanza non c’è più nessuno. Qualcuno indica però il luogo dove si trova il corpo. Si pensa ad una overdose. Ma ai medici bastano pochi minuti per capire che quella povera ragazzina era morta dopo un’agonia lunga e soprattutto dopo aver subito ogni tipo di violenza.

Credit: Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com