Lavoro sportivo: Petrucci, governo intervenga su tempistiche

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 05 OTT – “Sconcerto per l’assenza di risposte
    e un rinnovato invito al governo di provvedere a correggere le
    tempistiche per l’entrata in vigore delle norme inerenti al
    lavoro sportivo e lo svincolo”. Gianni Petrucci, presidente
    della Federbasket, prende posizione sulla riforma del lavoro
    sportivo ed esprimendo il suo stato d’animo lancia un allarme,
    sollecitando “interventi di buon senso che consentirebbero al
    mondo delle società di adeguarsi ragionevolmente ai cambiamenti
    epocali intervenuti”.
        Petrucci, in una nota Fip, chiede in particolare che la
    disciplina sul lavoro sportivo entri a regime da luglio 2023, “evitando un anomalo cambio di norme nel corso della stagione,
    e coerentemente con quella che pare essere la piena operatività
    del Registro delle Società sportive”. Inoltre, in merito allo
    svincolo, chiede che la “definitiva entrata a regime venga
    fissata a luglio 2025, assicurando un regime transitorio di due
    stagioni sportive (2023/2024 – 2024/2025) poiché il testo di
    legge, come licenziato, non potrà che determinare un terremoto
    nel mondo sportivo dilettantistico”. Petrucci, infine, ribadisce
    di non voler entrare nel merito dei provvedimenti “ma di dovere
    e volere tutelare le affiliate alla Federazione, consentendo
    loro di avere i giusti tempi per organizzarsi e recepire nel
    modo migliore le novità introdotte”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte