Le Veline di ‘Striscia’ si ribellano:”Emma, basta: anche noi siamo serie”

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Le Veline passano all’attacco dopo che la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, definita con una battuta “Velina” dal premier Silvio Berlusconi, ha ribattuto: “Io una Velina? Preferisco essere considerata una persona seria”. La mora Federica Nargi e la bionda Costanza Caracciolo, ovvero le due bellezze di ‘Striscia la notizia’, intervistate da Tv Sorrisi e Canzoni, si sfogano.

     

    Le due ragazze invece di restare zitte come il loro ruolo spesso impone, rispondono al fuoco. “Perché, le Veline non sono forse serie?” – si domanda la siciliana Costanza – Siamo ragazze semplici e con un cervello. Opinioni così si basano su vecchi pregiudizi, su un’idea sbagliata che qualcuno si può fare di noi. E poi, dài, basta con questa storia delle Veline sceme…”.

     

    Le fa eco la romana Federica: “Una Velina è una bella ragazza che può avere anche un cervello e una testa. Generalizzare è sbagliato”.

     

    Il problema diventa più ampio se si considera il fatto che spesso il termine ‘velina’, sulle pagine dei giornali, viene ormai indicato genericamente e in senso quasi spregiativo, per indicare ragazze che cercano ostinatamente il successo tramite la tv. “Siamo diventate una categoria – conclude Costanza Caracciolo nell’intervista -. E visto che ora siamo in carica noi, ci tocca prendere tutte le critiche e le allusioni. Ma in televisione ci sono Letterine, Letteronze, Vitamine, Schedine… Tutte ragazze che fanno in sostanza il nostro stesso lavoro. Eppure quando si deve definire una ragazza che fa tv, nel bene e nel male, chissà perché, diventa sempre Velina”.