Li insulta e gli mostra i genitali. Poi lo straniero pesta gli agenti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Palesemente ubriaco, l’ecuadoriano ha subito cercato di attaccar briga con gli uomini in divisa, insultati e minacciati

Momenti di tensione mercoledì sera a Barriera di Milano (Torino), dove un cittadino straniero, in evidente stato di ebbrezza, ha preso di mira una pattuglia della polizia di Stato.

Gli agenti, impegnati in un’ordinaria operazione di pattugliamento del territorio, stavano passando lungo largo Giulio Cesare, quando si sono imbattuti in un gruppetto di giovani visibilmente ubriachi. Alla vista degli uomini in divisa, gran parte dei ragazzi ha preferito allontanarsi, tranne un 29enne ecuadoriano. Quest’ultimo, infatti, ha fin da subito rivolto parole di scherno contro i poliziotti, deciso ad attaccare briga con loro. Dopo essersi calato i pantaloni, ha addirittura mostrato i genitali agli agenti, nel palese tentativo di provocarli ulteriormente.

A questo punto lo straniero si è dato alla fuga, cercando riparo all’interno di un bar kebab, ma è stato facilmente rintracciato dai rappresentanti delle forze dell’ordine. Dopo essersi chiuso inutilmente dentro un bagno, dove sperava di trovare scampo, il 29enne si è rivoltato contro i poliziotti, ingaggiando con questi un violento scontro fisico. Durante la colluttazione, uno degli agenti è stato colpito con un pugno.

Ammanettato e condotto negli uffici del commissariato di Barriera di Milano, lo straniero ha comunque proseguito con le sue intemperanze, cercando di mordere uno degli agenti e di infliggersi delle ferite. Azioni che non hanno fatto altro che peggiorare la sua situazione. Sanzionato per atti osceni in luogo pubblico e denunciato per danneggiamento ed oltraggio a pubblico ufficiale, il 29enne è stato arrestato con l’accusa di minacce, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com