LIBIA: OBAMA E FRATTINI, GHEDDAFI HA PERSO LEGITTIMITA’ SE NE DEVE ANDARE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Sulla crisi libica due interventi di particolare interesse. Nel primo caso è il presidente degli Stati Uniti, Barak Obama che a proposito di Muammar Gheddafi ritiene che il rais “ha perso la sua legittimita’ e deve andarsene”. Obama ha aggiunto che “Gli Usa e l’intero modo continua ad essere oltraggiato dalle orribili violenze contro il popolo libico”.

A ruota c’è la dichiarazione del ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini che in una intervista al Tg3 dice che sarà “assai difficile per la comunita’ internazionale e per l’Italia accogliere la proposta di Hugo Chavez” dell’avvio di un negoziato tra il regime di Gheddafi ancora in carica e i rivoltosi attraverso la mediazione di una commissione internazionale. Il capo della diplomazia italiana ha ricordato che il colonnello e’ indagato per crimini contro l’umanita’ dal Tribunale penale internazionale e l’incriminazione dovrebbe arrivare nel giro di “pochi mesi”. Ha ricordato inoltre le sanzioni approvate dall’Onu e dall’Ue. Per questi motivi, ha detto, “non possiamo considerare Gheddafi un legittimo interlocutore”.

3 marzo 2011

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com