L’informazione (tutta) a San Marino

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Innanzitutto devo chiarire che non voglio parlare del quotidiano L’Informazione di Filippini, anche se ci piace tanto. Sono troppo superiori al nostro giornaletto…che è inpensabile che noi umili mortali si possa criticarlo.

    Ma l’Informazione presente a San Marino ( lo diciamo da esterni in quanto, come si sa, noi siamo una testata, che si occupa anche di notizie sammarinesi, ma siamo panamensi. Le motivazioni le abbiamo ripetute almeno mille volte e non vorrei dilungarmi, nè tediare i lettori) è assai variopinta e particolare.

    A San Marino i sammarinesi sono fortunati in quanto hanno una pluralità di testate, più o meno autonome, che realmente – come vediamo – possono dire di tutto e di più. Anche bugie…e tante. Davvero tante…

    Non mi sto a dilungare su un quotidiano che oramai è diventato la barzelletta di San Marino, da quanto le spara grosse e talvolta pubblica notizie addirittura inventate, molto spesso a sfondo sessuale; a me fa piacere che ci sia in quanto se non ci fosse ne sentiremmo la sua mancanza, tanto oramai è diventato divertente. Poi è singolare un fatto: più si atteggia a moralizzatore più si scoprono i suoi altarini. Divertente, davvero divertente.

    I suoi giornalisti si ergono a novelli Montanelli o nuovi bacchettoni sullo stile Travaglio ma a quanto si vede i risultati sono molto scarsi come la loro sintassi e le loro copie vendute. Poi una cosa che ci siamo sempre chiesti è come riescano a sostenersi con così poche entrate. Dilemmi della finanza creativa sullo stile Tremonti? Secondo molti c’è ben altro.

    Oggi addirittura ne hanno sparata l’ennesima delle loro: quella secondo la quale un nostro editorialista non sia stato ricevuto a Palazzo Chigi durante l’ultimo incontro dei Reggenti con Berlusconi. Ennesima falsità fatta appositamente per gettar discredito. Gratuito. Questa notizia non è vera – come sempre – in quanto avevamo addirittura l’accredito presso la sala stampa Ansa per la conferenza stampa; che non è avvenuta. In compenso siamo stati ricevuti dal Dott.Di Ciole – capo sala stampa con cui abbiamo parlato di questo incontro. Quindi tutto falso come sempre. Com’è falso che non siamo stati ricevuto e sbattuti fuori. Ma siamo abitutati ai loro falsi….oserei dire d’autore.

    Stendiamo un velo pietoso e passiamo alle altre testate.

    Molto spesso vedo in questi giorni una volontà pervicacee di voler parlar male per forza del Governo e di tutto quello che fa. Tutto quello che fa, anche fosse un piccolo lavoro di asfaltatura. Un Governo che forse è la prima volta, da molti anni, che dura e fa. Non vi ricordate che abbiamo avuto 7 Governi in 8 anni? Forse è proprio questo che scoccia, a molti.

    Un Governo forte che ha fatto cose impossibili anche solo a pensarle almeno un anno fa. Non debba ricordare ai ns. lettori, perché lo sanno, che venivamo da una procedura rafforzata ed eravamo in grey list OCSE.  Ora mi sembra che le cose siano un pò migliorate, anche se gran parte della stampa fa di tutto per dire che le cose non stanno così. Addirittura c’è la volontà anche di passare avanti a quello che saranno i Regolamenti tra le due Banche Centrali dicendo che questo Accordo è una Caporetto per San Marino; addirittura dando dei bugiardi ai nostri Segretari di Stato; addirittura facendo loro opposizione al posto di quella che ha avuto la legittimazione da parte del popolo sovrano, che per responsabilità democratica ha condiviso il testo dell’accordo con la maggioranza. C’è voglia di urlare…non si in quale direzione e perché! Ma chi vuole urlare è soprattutto chi è fuori dalla scena politica e vede che quelli che stanno dentro stanno facendo molto molto bene.

    E’ una strana informazione quella di San Marino, che anziché sostenere il Paese ed il suo Governo, cerca in tutti i modi di affossarlo, creando proprio loro dei danni di immagine notevolissimi, a volte dando informazioni false, strumentali e tendenziose a giornalisti e testate forensi; utilizzando – sembra – l’arma mediatica in maniera strumentale.

    E’ logico non tutti sono così, ma quello che fa pensare è che la maggioranza lo sia.

    Perché? Qual’è il loro scopo? Eppoi è il loro?