Lotito, ‘Con me create stesse analogie del Bayern’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 23 FEB – Sfidare il Bayern Monaco agli ottavi
    di Champions League “ha un significato importante per la
    società, il sottoscritto, tutti gli addetti ai lavori e
    soprattutto per i tifosi. Quando sono subentrato il 19 luglio
    del 2004 e ho trovato una società in coma irreversibile, mentre
    oggi ha, su piani diversi, le stesse analogie del Bayern
    Monaco”.
        Lo ha detto, a Sky Sport, il presidente della Lazio Claudio
    Lotito a margine della gara d’andata degli ottavi di finale di
    Champions League contro il Bayern Monaco. Sarà la sfida tra
    Ciro Immobile e Robert Lewandowski, un remake del duello a
    distanza vinto lo scorso anno dal laziale che con 36 gol ha
    conquistato la Scarpa d’Oro: “Ho sempre creduto in Immobile e si
    è creato un bel rapporto, fuori lo schema presidente-giocatore –
    ha spiegato Lotito a Sky Sport – Ciro credo abbia una grande
    carica umana, che è un valore aggiunto per lui. Le sue qualità
    tecniche sono indiscusse, è un grande professionista.
        Festeggeremo la sua Scarpa d’Oro e stiamo organizzando una
    grande manifestazione, chiaramente in una location istituzionale
    importante che diventa emblematica per tutta la città”. “Se
    ricomprerei la Lazio? “Facendo un ragionamento razionale, viste
    tutte le problematiche affrontate – dice ancora Lotito -, ci
    avrei pensato. Sono abituato alle battaglie, mi piacciono le
    sfide, quindi da questo punto di vista lo rifarei. Mi stimola,
    mi dà adrenalina, anche per tutto l’affetto ricevuto dai tifosi,
    che ora hanno capito cosa vuol dire prendere una squadra dalle
    ceneri e rifarla da zero”. “A breve completeremo il centro
    sportivo e capirete che cosa ha fatto Lotito per la Lazio –
    sottolinea il presidente -. Ora la Lazio è un punto di arrivo e
    non di partenza, tutti vogliono la Lazio perché sanno come è
    gestita (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte