Marco Rizzone: chi è il 5 Stelle che ha intascato il bonus da 600 euro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • E alla fine arrivò anche il nome del grillino. Dopo la sospensione dei due deputati leghisti, Murelli e Dara, arriva anche il terzo nome dei furbetti che hanno preso il bonus Partite Iva. È il pentatstellato Marco Rizzone. Ad annunciare il nome del pentastaellato che ha incassato l’assegno da 600 euro è stato il capo politico del Movimento, Vito Crimi: “In relazione alla vicenda del bonus da 600 euro, destinato a partite Iva, lavoratori autonomi e professionisti, ho deferito il deputato Marco Rizzone al Collegio dei probiviri chiedendone la sospensione immediata e massima severità nella sanzione”. L’annuncio di fatto arriva a poche ore dall’audizione del presidente dell’Inps, Pasquale Tridico in Commissione Lavoro. Proprio domani il numero uno dell’Istituto di Previdenza Sociale dirà i nomi dei 5 furbetti che hanno incassato il bonus. Ricordiamo che 3 lo hanno ricevuto mentre altri due hanno fatto richiesta. Insomma anche i grillini si scoprono casta.

    Sono finiti i tempi del moralismo politico e gli attacchi al Palazzo. Anche tra i pentastellati c’è chi ha cercato di riempirsi le tasche nonostante lo stipendio da parlamentare. Marco Rizzone è stato eletto nel collegio uninominale di Genova San Fruttuoso. Nato nel 1983 , è laureato in economia e commercio ed è un imprenditore del settore turistico. A Montecitorio fa parte della commissione attività produttive. Adesso dovrà fare i conti con il suo Movimento che sempre più sta perdendo la matrice anti-Casta. I Cinque Stelle infatti proprio in questi giorni stanno cambiando pelle diventando partito. Il voto su Rousseau molto probabilmente metterà la parola fine al divieto del doppio mandato e soprattutto spianerà la strada ad alleanze anche su base locale. Il gesto di Rizzone (non l’unico ad aver incassato nel mondo politico il bonus partite Iva) è il segno di come il Palazzo abbia radicalmente cambiato i penstastellati. Adesso vogliono mettere le mani sui bonus pur avendo il portafoglio pieno da parlamentari. Crollano dunque gli ultimi baluardi del finto moralismo grillino. E probabilmente il tramonto dei Cinque Stelle e la trasformazione in Casta è solo all’inizio…


    Fonte originale: Leggi ora la fonte