Migranti: dal barcone alla passione per la barca a vela

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – CAGLIARI, 21 NOV – E’ scappato dal suo Paese, il
    Niger, per arrivare in Italia attraversando il Mediterraneo a
    bordo di un barcone. Ora ha trovato nella barca a vela
    un’occasione di riscatto. Yahia, quando è arrivato in Sardegna
    su un’imbarcazione di fortuna, non sapeva nuotare. Oggi è
    diventato uno degli skipper più bravi dell’associazione New
    Sardiniasail, che si occupa di inclusione sociale tramite la
    pratica della vela.
        La svolta, dopo aver dimostrato doti di grande lavoratore al
    centro per migranti di Villacidro (cittadina che si trova a
    circa 50 chilometri da Cagliari), arriva all’ufficio
    immigrazione della Polizia di Cagliari. Lì, per il rinnovo del
    permesso di soggiorno incontra Simone Camba, presidente della
    New Sardiniasail .
        Nato nel 1992 e fuggito dal villaggio del Niger – uno dei Paesi
    più poverei della Terra – Yahia in Sardegna ha trovato
    accoglienza e l’opportunità di costruire il suo futuro nel mondo
    della nautica.
        “Non sapeva nuotare e tanto meno aveva la minima idea di come
    fosse fatta una barca a vela – spiega Camba – Oggi Yahia è tra i
    più presenti del nostro team. Vederlo crescere e migliorare
    giorno dopo giorno mi ripaga di ogni sacrificio”, conclude.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte