Mondiali, Ancelotti: “Fase difensiva e qualità hanno vinto”

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 19 DIC – “E’ stato un bel Mondiale, concluso
    con una bellissima finale e vinto meritatamente dall’Argentina.
        Secondo me gli argentini hanno trovato convinzione e sono stati
    trascinati da un Messi fantastico. L’Argentina ha vinto per due
    motivi: perché ha giocatori bravi e perché ha il migliore, che è
    Messi; poi, perché è riuscita a supportare questa qualità con
    degli innesti – mi riferisco ad esempio ad Alvarez ed Enzo
    Fernandez – ma anche da un collettivo con una certa attitudine
    difensiva”. Così Carlo Ancelotti a Radio Anch’io lo sport – su
    RadioRai – commenta il trionfo dell’Argentina ai Mondiali di
    calcio in Qatar.
        “Scaloni è stato bravo, ha fatto un lavoro straordinario –
    aggiunge l’allenatore – ma non ha inventato qualcosa di nuovo:
    ha solo messo i giocatori al proprio posto e dato loro una buona
    organizzazione difensiva, supportando il grande talento di
    Messi, Alvarez e Di Maria. Niente di nuovo, insomma. In finale
    sono arrivate le squadre che hanno messo in mostra il miglior
    talento individuale e la migliore organizzazione. In altre
    parole, non hanno avuto paura di difendere e questo nonostante
    il talento. Francia e Argentina sono squadre che hanno basato i
    propri risultati su una buona difesa e sulla qualità dei
    giocatori”.
        “Il dualismo Messi-Ronaldo ha dato motivazioni a entrambi –
    spiega Ancelotti -: in questi anni sono stati gli artefici
    principali di questo mondo, giocando benissimo e facendo tanti
    gol. Messi chiude la carriera con la conquista di un Mondiale,
    CR7 la termina in maniera diversa, ma comunque ha avuto una
    carriera straordinaria. Soprattutto qui, al Real Madrid, rimarrà
    per sempre nel cuore dei tifosi. Non so cosa farà in futuro, ha
    ancora voglia di competere ad altissimo livello e non credo che
    il mondo arabo in questo senso possa essere adatto per lui”.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte