Mourinho, faremo di tutto per far giocare Pellegrini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 23 SET – “Non conosco i meccanismi legali del
    calcio italiano, ma voglio farlo. Se si può farlo giocare
    (Pellegrini ndr), dobbiamo fare di tutto per farlo. Ho tanti
    dubbi che qualcuno possa dire che sia stato un secondo giallo
    meritato. Forse una sola persona… Ma non posso dire che
    Lorenzo giocherà domenica”. Josè Mourinho, intervistato da Dazn
    al termine di Roma-Udinese, recrimina sull’espulsione per doppia
    ammonizione di Pellegrini, a suo dire assolutamente immeritata.
        Poi parla della partita e della situazione in generale della
    sua Roma. “In questo momento sono concentrato a fare crescere la
    squadra – dice ‘Mou’ -. A livello organizzativo lavoro molto
    bene con persone bravissime e riesco a dare il mio contributo di
    esperienza e conoscenza. Ma dobbiamo lavorare tanto, abbiamo
    bisogno di tempo e di qualcosa in più”. “Anche la dirigenza ha
    bisogno di tempo – dice ancora Mourinho -. A una proprietà pazza
    non serve tempo, e non si preoccupa del futuro del club. Questa
    proprietà, invece, si preoccupa anche del domani e del
    dopodomani. Le cose devono essere fatte in modo sostenibile e la
    gente deve controllare le emozioni e le aspettative. Ma oggi mi
    è piaciuto tanto come i tifosi hanno sostenuto la squadra:
    venendo allo stadio da Trigoria, abbiamo visto che la gente era
    con noi anche dopo una sconfitta: significa molto”.
        Una considerazione su Calfiori, oggi tra i migliori ma in
    precedenza ‘ripreso’ dal tecnico in conferenza stampa.
        “Calafiori ha gicoato bene, meglio di altre volte – spiega
    Mourinho – perché ha rischiato di più, oggi non ha fatto solo le
    cose basilari, e ha fatto un’azione fantastica in occasione del
    gol. Ma deve avere più fiducia in se stesso, nel suo corpo, e
    non deve chiedere il cambio dopo la prima sensazione negativa.
        Deve essere più uomo, ora è un ragazzo di 19 anni con un cuore
    grande e molto giallorosso”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte