WASHINGTON POST. L’Italia invidiosa di San Marino e del suo vaccino russo

  • Le proposte di Reggini Auto

  • SAN MARINO - Solo poche settimane fa la nazione sammarinese era in preda al panico.
    Era l'unico paese dell'Europa occidentale senza una fornitura di vaccini contro il coronavirus. 
    I dipendenti dell'ospedale, ancora non protetti, minacciavano di non entrare più nei reparti covid. Un parlamentare ha definito la situazione "pericolosa". 
    Un altro ha detto che la lunga attesa per i vaccini stava costando "vite umane ogni giorno".
    La soluzione di San Marino, dicono ora i leader del Paese, è stata guidata da quel momento di 
    allarme. 
    Alla ricerca di un aiuto di emergenza, si è rivolto alla Russia - e la Russia ha prontamente risposto. Un primo lotto di dosi di Sputnik V è arrivato poco dopo, scortato dalla polizia. 
    Gli operatori sanitari hanno ricevuto le prime dosi. 
    San Marino prevede ora di coprire la sua intera  popolazione adulta di 29.000 persone entro la fine di maggio.
    
    "Abbiamo semplicemente fatto una scelta per necessità", ha detto in un'intervista il ministro degli Esteri sammarinese, Luca Beccari.
    Ma per alleviare la propria crisi dei vaccini, questa micronazione in cima a una collina - che non è un membro dell'Unione europea - è diventata un ostacolo per una crisi molto più ampia che si 
    svolge oltre i suoi confini. 
    Mentre San Marino è andato avanti con un vaccino non autorizzato dall'UE, l'Italia e gran parte delresto d'Europa si sono mossi a passo d'uomo.
    
    Nella chiusa "zona rossa" regioni italiane che circondano San Marino, la piccola repubblica è 
    diventata improvvisamente l'esempio di un approccio go-it-alone, con implicazioni sia per la 
    geopolitica che per le gelosie locali. 
    Alcuni politici - così come i sindaci delle città vicino a San Marino - dicono che anche l'Italia 
    dovrebbe prendere in considerazione i vaccini russi prodotti dallo stato. 
    Nel frattempo, centinaia di italiani ansiosi hanno tentato invano di prenotare appuntamenti a San Marino per lo Sputnik V. 
    Alcuni hanno tentato di inserire falsi ID sammarinesi in un sistema online.
    "Quasi tutti mi chiedono: 'Posso averlo anche io?'", Ha detto Bruno Frisoni, 76 anni, residente a    San Marino. "Dico loro che non è possibile."
    [L'Europa sta affrontando una terza ondata che alcuni dicono che avrebbe potuto evitare]
    
    Per il momento, quindi, la strategia vaccinale di San Marino ha creato una strana bolla alternativa nelle campagne italiane, dove la fortuna della pandemia dipende dall'identità nazionale.
    Su entrambi i lati del confine appena percettibile tra San Marino e l'Italia, le persone parlano la
    stessa lingua, mangiano le stesse paste ripiene, usano la stessa valuta. 
    Persone di entrambe le parti si incrociano per lavorare. 
    Anche le economie sono profondamente connesse: in tempi normali, i turisti si allontanano dalle 
    spiagge dell'Adriatico italiano per gite di un giorno a San Marino, il cui territorio è un mix di 
    fortezze medievali, profumerie e negozi di elettronica duty-free.
    
    Nella chiusa "zona rossa" regioni italiane che circondano San Marino, la piccola repubblica è 
    diventata improvvisamente l'esempio di un approccio go-it-alone, con implicazioni sia per la geopolitica che per le gelosie locali. Alcuni politici - così come i sindaci delle città vicino a San Marino - 
    dicono che anche l'Italia dovrebbe prendere in considerazione i vaccini russi prodotti dallo stato. 
    Nel frattempo, centinaia di italiani ansiosi hanno tentato invano di prenotare appuntamenti a San Marino per lo Sputnik V. Alcuni hanno tentato di inserire falsi ID sammarinesi in un sistema 
    online.
    
    Per il momento, quindi, la strategia vaccinale di San Marino ha creato una strana bolla alternativa nelle campagne italiane, dove la fortuna della pandemia dipende dall'identità nazionale.
    
    Ma ora, nel profondo della pandemia, c'è una differenza fondamentale, anche se il virus si diffondedi nuovo su entrambi i lati del confine. 
    San Marino ha somministrato almeno una dose al 27 per cento della sua popolazione e alla fine 
    potrebbe emergere come un'enclave protetta mentre altre parti del continente stanno ancora 
    combattendo il peggio del virus. 
    In Italia, dove il 12% delle persone ha ricevuto almeno una dose, molti giovani aspetteranno a 
    lungo fino all'estate o all'autunno per i loro vaccini, un ritardo amplificato dalle domande sulla 
    sicurezza del vaccino Oxford-AstraZeneca. 
    L'UE, che acquisisce e autorizza i vaccini per conto dei suoi membri, sta riesaminando lo Sputnik 
    russo, ma è probabile che il processo richieda mesi.
    "Plaudo a San Marino", ha detto Domenica Spinelli, sindaco di Coriano, un paese a 10 miglia di 
    distanza. "Hanno trovato il piano B che l'Europa non ha".
    
    Un vaccino "come la vodka"
    Anche prima che arrivassero le dosi di vaccino, San Marino era stata una specie di aberrazione 
    pandemica. Con le casse dello stato vuote, incapaci di offrire sussidi alle imprese chiuse, 
    San Marino era spesso riluttante a seguire l'Italia in serrate serrate. 
    Quando l'Italia lo scorso autunno ha chiesto ai ristoranti di chiudere alle 18:00, San Marino è 
    rimasto aperto fino a mezzanotte; ora quelle italiane sono chiuse tutto il giorno; 
    In San Marino servono ancora il pranzo.
    
    Tuttavia, era stata intenzione di San Marino - almeno inizialmente - affidarsi interamente all'Italia per i suoi vaccini. A gennaio, ha firmato un accordo in cui Roma ha accettato di reindirizzare una 
    ogni 1.700 dosi fornite dall'Europa. 
    Ciò sembrava garantire a San Marino di vaccinare a qualunque ritmo l'Unione Europea. voluto. 
    L'accordo, tuttavia, richiedeva non solo l'approvazione dell'Italia, ma anche di Bruxelles e dei 
    fornitori di vaccini. Il lavoro di ufficio ha ritardato l'accordo di quasi due mesi.
    
    "Una volta iniziati i ritardi, ci siamo trovati di fronte a una fortissima protesta dei cittadini", 
    ha detto il ministro della Salute Roberto Ciavatta. "Avevamo bisogno di offrire soluzioni."
    
    San Marino ha considerato le opzioni oltre allo Sputnik V. 
    Ma i vaccini prodotti in Cina non avevano studi sottoposti a revisione paritaria che dimostrassero quanto bene funzionassero. 
    Anche l'India sembrava un "salto nel buio", ha detto Ciavatta. 
    Sputnik V ha avuto un vantaggio per diversi motivi: un articolo di una rivista medica di Lancet ha mostrato che il vaccino era efficace al 91,6% nel prevenire i sintomi di covid-19 e pienamente efficace nel fermare i casi gravi, dandogli quasi l'efficacia di quelli prodotti da Moderna e Pfizer. 
    Inoltre, era relativamente economico, a circa $ 10 per dose. Un vettore di adenovirus, lo rendeva 
    simile ai vaccini di AstraZeneca e Johnson & Johnson.
    Poiché San Marino non ha un regolatore dei farmaci equivalente alla Food and Drug 
    Administration degli Stati Uniti o all'Agenzia europea per i medicinali, ha semplicemente posto la domanda sull'uso dello Sputnik V a un piccolo comitato bioetico.
    I membri hanno dato il via libera allo Sputnik V.
    
    L'implementazione delle dosi - con una TV russa che documentava un primo giorno della
    campagna - ha reso San Marino un'anomalia pandemica in un modo nuovo: è diventata l'unica 
    parte dell'Europa occidentale ad autorizzare lo Sputnik V.
    
    Sebbene più di 50 paesi in tutto il mondo stiano ora emettendo colpi Sputnik V, gli altri utenti in 
    Europa sono più vicini alla sfera geografica della Russia, ad esempio Serbia e Moldova. 
    Tra E.U. membri, l'Ungheria è l'unica ad avere un uso autorizzato. 
    Anche la Slovacchia e la Repubblica Ceca si sono staccate dall'accordo di acquisto unificato dell'UE e hanno acquisito lo Sputnik V per le loro popolazioni; 
    L'Austria sta valutando un passo simile. 
    Alcuni altri paesi dell'Europa occidentale, tra cui Germania e Italia, hanno detto che sarebbero 
    stati felici di utilizzare lo Sputnik V, ma con l'avvertenza che prima dovrebbe essere approvato dal regolatore dell'UE.
    
    La capacità di produzione di Sputnik V è abbastanza piccola che i paesi dovrebbero creare i propri centri di produzione per utilizzare il vaccino su larga scala. Per ora, la Russia sembra preferire 
    l'invio di dosi a paesi come San Marino, dove può fare un grande successo anche con una piccola 
    quantità di prodotto. 
    La Russia inizialmente ha fornito 15.000 dosi - sufficienti per coprire 7.500 persone - 
    ma i funzionari di San Marino dicono che probabilmente presto ne chiederanno di più.
    
    Igor Pellicciari, professore all'Università di Urbino in Italia, che è anche un ambasciatore di San 
    Marino e consultato sull'accordo Sputnik V, ha detto che Mosca sta distribuendo il vaccino "come uno strumento di soft power", usando le esportazioni per espandere la sua influenza, tra cui in 
    luoghi in cui è visto con cautela o sotto sanzioni.
    
    "Come la vodka negli anni '70", ha detto. "Questa è la risorsa più forte che la Russia ha."
    
    Sperando nella fine della pandemia
    Il massimo funzionario sanitario di San Marino, Agostino Ceccarini, afferma che il vaccino 
    funziona chiaramente. Nessuno tra gli oltre 7.000 che l'hanno ricevuto si è ritrovato con una grave forma di covid-19. 
    Sebbene il paese stia ora ricevendo anche un rivolo di dosi Pfizer dal suo accordo con l'Italia, 
    lo Sputnik V rappresenta l'85% dei vaccini somministrati a San Marino.
    Ceccarini afferma che le dosi russe hanno impedito al singolo ospedale della nazione di 
    "esplodere", perché hanno protetto la popolazione anziana in un momento in cui una grave terza 
    ondata, guidata da una variante britannica più trasmissibile e probabilmente più letale, ha causato casi più gravi tra i giovani.
    Nonostante la sua campagna di vaccinazione, la situazione di San Marino rimane critica. 
    Il tasso di mortalità del paese, sebbene simile alle regioni dell'Italia settentrionale, 
    è tecnicamente il più alto di qualsiasi nazione al mondo, secondo la Johns Hopkins University. 
    Dieci persone sono morte a San Marino nell'ultimo mese, portando il bilancio complessivo a 84 - morti che per lo più avvengono in un reparto di terapia intensiva stipato al quarto piano 
    dell'ospedale.
    Al piano terra, le infermiere disimballano le dosi di Sputnik V del giorno.
    "Speriamo che questo possa porre fine alla pandemia", ha detto la paziente Anna Maria Toccaceli, 75 anni, pochi minuti dopo aver ricevuto la sua seconda dose.
    "Siamo stati fortunati", ha detto Daniele Ceccoli, 74 anni, un altro paziente che ha ricevuto una 
    dose di vaccino "Questo virus è ancora qualcosa di molto esplosivo."
    
    Appena oltre i confini di San Marino, le stesse pressioni sono in gioco e i ricoveri sono al culmine 
    durante la pandemia. 
    La differenza in Italia è la sensazione che un endpoint si senta ancora fuori portata.
    In un hotel di sua proprietà a 10 miglia dal confine, l'italiano Gianmaria Castaldo ha detto che le 
    persone stavano perdendo gran parte della speranza che è cresciuta con l'inizio della campagna 
    di vaccinazione europea a dicembre. 
    Pochi hanno ricevuto iniezioni, ha detto, e "tutti quelli che conosco sono infetti", io stesso. 
    Castaldo parlava al telefono, ancora in isolamento dopo essersi ripreso dai sintomi.
    
    WASHINGTON POST 
    https://www.washingtonpost.com/world/interactive/2021/sanmarino-covid-vaccine-sputnik/?tid=a_classic-iphone&no_nav=true