Niente da fare per l'AP Titano sul parquet della capolista Riccione

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Sul suo campo Riccione si conferma autentico schiacciasassi del campionato. A decidere la gara con i Titani serve però un ultimo quarto stellare, perché fino a lì San Marino è all’altezza della capolista. I Dolphins di coach Badioli partono molto determinati e guadagnano subito la doppia cifra di vantaggio (16-5 al 6’), grazie ai contropiede generati dagli errori offensivi di un San Marino che fatica oltremodo in attacco.
    Il primo quarto si chiude sul 25-15 Riccione (Ronci 7, Tentoni 6).
    Nel parziale successivo i Dolphins spingono sull’acceleratore e con due bombe del giovane Campidelli arriva il 36-20 al 15’, complice anche un tecnico sanzionato a Lemme.
    Da qui, però, la musica cambia: i ragazzi di Del Bianco alzano la saracinesca in difesa e, trascinati da 9 punti consecutivi un Rizzo super in questa fase, si riavvicinano e chiudono il secondo quarto sul 35-41 (Tentoni 12, Ronci e Ferretti 10, Rizzo 9).
    Il terzo parziale vive all’inizio sul filo dell’equilibrio (43-42 Riccione al 22’), poi le due squadre si scambiano parziali (53-42 Riccione al 24’, poi 53-51 un minuto dopo e 59-58 al 27’ con un buon contributo di Rossini).
    Ronci propizia il piccolo allungo nel finale (66-60 alla terza sirena).
    Al 31’ sul 68-62 arriva un secondo letale fallo tecnico ai Titani, che dovrebbero controllare maggiormente le proprie reazioni in questi frangenti.
    Riccione senza faticare ritorna alla doppia cifra (73-62), e questo psicologicamente porta nuove risorse e maggiore fluidità di gioco.
    Quando non hanno pressione, i Dolphins esprimono un gioco alquanto spettacolare ed arrivano al 40’ in crescendo.
    Gli ultimi minuti sono di accademia pura, che serve a Benzi e Tononi per aggiustare un tabellino personale fino a lì deficitario.
    L’MVP è Ronci, 24 punti in piena bagarre, che trova ottimo supporto da Ferretti e dai rimbalzi offensivi di Pistocchi.
    I Dolphins confermano la bontà del gruppo, capace di trovare tanti protagonisti diversi nel corso della serata.
    Tra i Titani, Tentoni guadagna la palma del migliore (valutazione 21), ben coadiuvato da Rizzo (15).
    C’è ben poco tempo per pensare alla gara con Riccione, mercoledì i Titani sono di nuovo in campo per la quarta giornata di ritorno al Multieventi contro un nuovo prestigioso avversario come il Gaetano Scirea Forlì, seconda forza del campionato.
    La settimana a ritmo NBA si chiuderà poi domenica prossima, in quel di Lugo.

    IL TABELLINO: TENDER RICCIONE – PALLACANESTRO TITANO 95-71 (25-15; 41-35; 66-60)
    Riccione: Panzeri J. 2, Benzi M. 16, Campidelli 6, Ferretti 13, Strivieri 2, Ronci 24, Pistocchi 11, Ormerod n.e., Ricciotti 4, Tononi 17. All.: Badioli.
    Pall. Titano: Lemme, Rizzo 16, Filloy 8, Venturini, Briganti U., Zanotti 2, Ugolini 3, Rossini 13, Calcagnini 7, Tentoni 22. All.: Del Bianco.

    Comunicato stampa
    Pallacanestro Titano
    Tutte le news su: www.pallacanestrotitano.com