Nuovo Museo Archeologico a Imola nel complesso di S.Domenico

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – IMOLA, 25 MAR – Nelle prossime settimane prenderà il
    via a Imola una trasformazione architettonica che potenzierà
    l’offerta dei Musei Civici con la nascita del nuovo Museo
    Archeologico nel complesso conventuale di San Domenico. “La
    cultura come motore della ripartenza”, sottolinea il sindaco
    Marco Panieri. Si tratta del progetto integrato dei Comuni di
    Imola e Castel San Pietro ‘Dal Sillaro al Senio: un bacino
    culturale da valorizzare per implementare l’offerta turistica
    del circondario imolese’; l’importo è di 1.540.000 euro, di cui
    600mila finanziati dalla Regione con il contributo europeo e
    940mila dal Comune di Imola, oltre a 130mila euro che la
    Fondazione Cassa di Risparmio di Imola ha messo a disposizione
    dei Musei Civici per importanti lavori di manutenzione
    conservativa sul patrimonio del nuovo Museo archeologico. Il
    progetto dovrà concludersi entro il 30 settembre 2022.
        L’ex convento dei santi Nicolò e Domenico, ora sede del
    museo, è uno degli edifici più significativi del centro storico
    di Imola: la costruzione del complesso, sede dell’ordine
    domenicano, risale al Duecento e ha risentito nei secoli di
    diverse ristrutturazioni. Le Collezioni d’Arte della città
    espongono oltre 600 pezzi tra dipinti, sculture, arredi sacri,
    ceramiche, disegni, monete, medaglie e installazioni in un
    racconto che dal Trecento arriva ai nostri giorni. Il Museo
    Giuseppe Scarabelli, nato nel 1857 come Gabinetto di Storia
    naturale, è uno dei pochi musei ottocenteschi conservatisi in
    modo integrale. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte