Ocean Viking, arrestati due scafisti che erano a bordo della nave

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

I due sono accusati di essere scafisti posti alla guida di uno dei barconi poi raggiunti dalla nave Ocean Viking, approdata a Messina con 182 migranti martedì scorso: contro di loro video e testimonianze degli stessi migranti

A bordo della Ocean Viking erano presenti anche due scafisti che hanno guidato uno dei barconi da cui sono stati tratti in salvo, nei giorni scorsi, i migranti poi saliti sulla nave dell’Ong Sos Mediterranée.

È questa la novità più importante di queste ore emersa da Messina, lì dove i 182 a bordo della Ocean Viking sbarcano nella giornata di martedì dopo diversi giorni passati in alto mare tra la Sicilia e Malta.

I due scafisti, stando a quanto rivelano fonti della procura di Messina riportate da ItalPress, sono stati individuati grazie sia alle testimonianze di alcuni dei migranti trasportati presso il centro d’accoglienza della città siciliana, sia anche tramite alcuni video presenti all’interno dei cellulari degli stessi migranti.

In particolare, il quadro emerso dalle ricostruzioni che gli inquirenti riescono a realizzare in base agli elementi raccolti, rivela ancora una volta storie di pagamenti esosi da parte dei cittadini sub sahariani che raggiungono la Libia, con persone ammassate dentro improvvisati capannoni in attesa di essere traghettati verso il nostro paese.

Dopo alcuni giorni di detenzione, uomini armati prelevano i migranti e li portano in una spiaggia di una località libica non meglio precisata. Qui entrano in azione i due scafisti, che adesso si trovano all’interno del carcere Gazzi di Messina. Si tratta, in particolare, di due egiziani: Mohammed Youssef Ali ed Faki di 42 anni e Atito Salama Soliman di 24 anni.

I due, secondo gli investigatori, sarebbero gli unici a salire a bordo senza costrizioni e questo già segnerebbe un primo elemento a supporto dell’ipotesi del loro ruolo di scafisti dell’imbarcazione. I migranti interrogati poi, li avrebbero additati come coloro che guidano il mezzo fino al giorno del recupero da parte della Ocean Viking.

Gli scafisti egiziani riescono quindi a confondersi con il resto dei migranti ed entrano, assieme a loro, all’interno del centro d’accoglienza di Messina. Qui vengono poi raggiunti dal fermo ordinato dalla Procura del capoluogo peloritano, dopo le indagini compiute a poche ore dal loro sbarco.

Per i due sospetti egiziani, l’accusa riguarda quella di “aver commesso atti diretti a procurare illegalmente l’ingresso nel territorio dello Stato dei cittadini extracomunitari dietro corresponsione di somme di denaro dall’importo variabile, con le aggravanti di aver commesso i fatti in relazione a più di cinque persone, esponendole a pericolo per la loro vita e incolumità fisica, sottoponendole a trattamento inumano e degradante”, come scrive l’AdnKronos.

L’operazione che porta i due scafisti in carcere viene svolta mercoledì sera, giovedì mattina gli accusati vengono giudicati davanti al Gip che conferma l’applicazione della misura cautelare in carcere. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com