Panathlon Junior Club San Marino si è riunito per la prima conviviale della sua storia.

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Martedì sera alle 21 al ristorante “2 archi” di Fiorentino il Panathlon Junior Club San Marino si è riunito per la prima conviviale della sua storia. Ospiti del Presidente Alan Gasperoni e degli altri giovani del club, i membri della delegazione sammarinese che prenderà parte alle Olimpiadi Invernali di Vancouver 2010. Al tavolo d’onore con il Presidente Gasperoni e il Presidente del Panathlon Club San Marino, il Presidente della Federazione Sammarinese Sport Invernali Eraldo Cellarosi, il Capo Missione Gian Luca Borgagni e l’atleta Marino Cardelli.

    La serata, come si conviene per gli eventi panathletici, si è aperta con i saluti di rito e con la comunicazione ai soci delle attività intraprese dal Panathlon Club Junior. Poi è stato il momento della cerimonia d’ingresso nel club di due nuovi soci ed infine della discussione sulle Olimpiadi Invernali.

    Le comunicazioni del Consiglio Direttivo sulle prossime attività del club sono state due, la prima riguarda un concorso bandito dal Panathlon International al quale il Panathlon Junior di San Marino ha deciso di partecipare. Il Club sammarinese ha preparato un DVD di 3 minuti contenente due mini-interviste ad altrettanti soci (Emanuele Nicolini e Fabrizio Perotto) sul tema “l’olimpismo e il futuro dello sport”, il filmato verrà pubblicato anche su YouTube e verrà valutato assieme a quelli degli altri Club giovanili del mondo, il club vincitore parteciperà al Congresso Internazionale del Panathlon che si terrà a Stresa. L’altra iniziativa illustrata nella serata riguarda la Convention internazionale dei Panathlon Junior che si terrà per la prima volta nella storia proprio a San Marino il 5, 6 e 7 marzo prossimi.

    I due soci che sono entrati a far parte del club sono campioni dall’indiscutibile carriera sportiva, il loro ingresso inorgogligsce tutto il panorma Panathletico sammarinese. Si tratta di Manuel Poggiali e Christian Montanari che portano a 14 il numero dei soci.

    La discussione sul tema Olimpiadi di Vancouver che ha coinvolto anche gli ospiti presenti si è aperta con il saluto di Eraldo Cellarosi, presidente federale da tanti anni e grande esperto di Sport Invernali. Cellarosi ha portato anche il saluto del Presidente del CONS Angelo Vicini che non ha potuto presenziare per impegni precedentemente presi.

    Cellarosi ha ricordato l’evoluzione degli sport invernali e l’enorme sacrificio che la Federazione fa per trovare atleti nelle discipline olimpiche invernali in uno Stato che ha le piste da sci e gli impianti del ghiaccio a centinaia di chilometri di distanza. Più tecniche le considerazioni del Capo Missione Gian Luca Borgagni che è alla sua prima esperienza da capo missione e che ha annucniato come la delegazione che lui guida affronterà la trasferta. Per lui, ma anche per il Presidente federale Cellarosi l’obiettivo dell’unico atleta sammarinese in gara, Marino Cardelli, è quello di portare a termine la gara olimpica. Marino Cardelli che il 12 febbraio porterà la bandiera sammarinese all’interno dello Stadio Olimpico di Vancouver è stato l’ultimo a prendere la parola. Con fare scanzonato tipico di un grande personaggio sportivo ha risposto alle numerose domande dei panathleti presenti. La serata si è protratta fino oltre la mezzanotte, le Olimpiadi ancora una volta si sono rivelate una grandissima attrattiva.