Paracadutista si lancia e urta ala aereo, due morti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 20 SET – Decollato alle 9,20 dall’Aero Club
    del Migliaro, a Cremona, con il pilota e otto paracadutisti a
    bordo, un Pilatus Porter C6 è precipitato questa mattina
    mezz’ora dopo nella campagna alle porte della città lombarda.
        Nello schianto, avvenuto quando sette degli otto appassionati si
    erano già lanciati, sono morti il pilota, 54enne originario di
    San Secondo Parmense (Parma) e residente a Fontevivo (Parma)
    Stefano Grisenti, che proprio oggi festeggiava il suo
    compleanno, e uno dei paracadutisti trasportati, l’ultimo a
    buttarsi, il 41enne Alessandro Tovazzi, nato ad Arco di Trento
    (Trento) ma domiciliato a Riva del Garda. Al momento, l’ipotesi
    più accreditata è che ad innescare la caduta dell’aereo possa
    essere stato l’impatto tra l’ala destra del velivolo e il
    paracadutista, che si è lanciato con tuta alare. Resta da
    capire, e potrebbe non essere semplice, se sia stato il 41enne
    trentino ad urtare l’ala nelle fasi iniziali del lancio o,
    invece, il pilota a travolgere il paracadutista già in volo. Di
    sicuro, comunque si sia verificato, gli inquirenti ritengono
    probabile che quello scontro in cielo sia effettivamente
    avvenuto e suppongono possa essere stato determinante. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte