Parto sulla Geo Barents, è nato il piccolo Alì

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Si chiama Alì, pesa tre chili e mezzo ed è al mondo da nemmeno ventiquattro ore: Fatima, la mamma, era su un barcone che rischiava di capovolgersi in mezzo al Mediterraneo con altre 90 persone e forse sarebbe finita in fondo al mare come tanti altri disperati, se la Geo Barents non l’avesse salvata insieme a tutti gli altri. Ed ora sulla nave di Medici Senza Frontiere non sono più 254 i migranti soccorsi negli ultimi giorni, ma 255: una volta tanto una vita in più e non in meno.

        Alì è nato alle 11.31. Ha tre fratelli e anche loro sono tutti salvi. Come salvo è un bimbo di 10 anni che viaggiava da solo ed anche lui è ora sulla nave della Ong. Stavolta dunque non è andata come due giorni fa, quando uno dei tanti barconi che tentano la traversata è naufragato e due bimbi di 4 mesi e di 6 anni sono scomparsi. O come l’altra sera quando nell’hotspot di Lampedusa è morta una neonata di 6 mesi: sembrava stesse bene ma un problema congenito o un malore improvviso non le hanno lasciato scampo.

        Per Fatima partorire è stato però tutt’altro che semplice. Il viaggio difficile, lo stress estremo e la profonda disidratazione hanno indotto il parto alla donna, al nono mese di gravidanza. Il travaglio è cominciato intorno alle 4 di questa mattina, il piccolo è nato dopo sette ore e ora Fatima – spiega Medici Senza Frontiere – ha bisogno di immediate cure mediche specialistiche, in quanto le sue condizioni sono critiche. Per questo, ha sottolineato la coordinatrice medica di bordo Ayla Emmink, è stato chiesto alle autorità italiane e maltesi di organizzare “un’evacuazione urgente per lei e i suoi quattro figli”. La risposta ancora non c’è mentre l’Italia ha già disposto che un’altra donna incinta al nono mese a bordo sarà evacuata nelle prossime ore. “Devono essere in un posto sicuro nel caso in cui dovessero esserci complicazioni” ribadisce Msf.

        Oltre a Fatima e il piccolo Ali, sulle navi delle Ong ci sono 500 migranti che attendono un porto sicuro. 255 sono, appunto, sulla Geo Barents, mentre altri 261 sono sulla Humanity 1 e 33 sulla Louise Michel. Ma dall’Italia e da Malta, finora, non è arrivata alcuna risposta. Poi ci sono quelli che arrivano da soli o sono stati soccorsi dalle motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza. Al porto di Crotone sono arrivati in 161: un primo sbarco ha visto l’approdo di 81 persone che si trovavano su una barca a vela mentre una seconda imbarcazione con altri 80 migranti è arrivata qualche ora dopo.

        Sono per la maggior parte afgani e iraniani e sono stati trasferiti al centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto. Ieri sera, nella stessa regione, 86 migranti sono sbarcati a Reggio Calabria. E in Sardegna, durante la notte, nel comune di Domus de Maria, sono arrivati – a bordo di un’imbarcazione lunga circa sette metri – 24 cittadini tunisini, tra cui tre minori. A Lampedusa, invece, un barchino con 42 migranti si è schiantato contro gli scogli di Vallone delle Acque. Tra loro anche 14 donne e 5 minori. Il gruppo è stato salvato dagli uomini della Guardia costiera. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte