Pediatria non soddisfa i genitori.

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Strutture inadeguate, mancanza di personale professionista, carenze organizzative. Un gruppo di genitori sammarinesi punta il dito contro il reparto di pediatria dell’ospedale di Stato.

    Chiedono continuità assistenziale e più professionisti riconosciuti nell’organico della struttura sanitaria. In particolare, il gruppo di genitori fa riferimento ad un pediatra di Bologna, Alessandro Fierro, che sta per essere rimpiazzato perché sprovvisto di residenza in Territorio; un medico che è riuscito a farsi apprezzare per la competenza e l’umanità ma che sarà costretto ad abbandonare la struttura sammarinese perché sostituito – sostengono – da un collega alle prime armi, scelto non in base alle capacità o esperienze lavorative, ma per mere questioni di residenza. Parlano di professionisti a termine, privi di una tutela giuridica e lavorativa, che a fine mandato vengono allontanati dall’ISS, costringendo i pazienti con i quali avevano costruito un rapporto di fiducia a cercarli in strutture a volte non convenzionate, e spesso poste fuori territorio. Ricordano che il servizio sanitario sammarinese stabilisce che ogni famiglia alla nascita del proprio figlio possa scegliere un medico pediatra, ma che negli ultimi anni questo diritto è venuto meno, costringendo i genitori ad un turnover di professionisti, con la completa interruzione del concetto stesso di continuità assistenziale. Lamentano inoltre la presenza in ospedale di pochi pediatri, a fronte dell’aumento di patologie acute. Ricordano a tal proposito che lo scorso anno, da novembre a marzo, ad ogni ambulatorio delle urgenze si trovavano dai 40 ai 50 bambini e un medico solo per turno. Non vogliono inoltre che dottori alle prime armi, solo perché sammarinesi, si occupino dei loro figli senza un adeguato tirocinio. “Noi genitori orgogliosi di essere sammarinesi – scrivono – vogliamo anche per i nostri figli ciò che è sancito dalla carta dei diritti del bambino, e cioè la continuità assistenziale, il rapporto medico paziente e una figura stabile professionale ed umana.

    fonte:rtv