Pensionati a confronto sulla crisi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Pensionati italiani e pensionati sammarinesi si confrontano sulla crisi. L’occasione è il Meeting interregionale della Federazione Nazionale Pensionati della Cisl che si apre oggi, mercoledì 23 settembre, a Riccione. “Una riflessione comune – spiega Marino Casadei, segretario Federpensionati della CDLS – su questi mesi di profonda recessione internazionale e sul pesante impatto sociale che sta pagando anche la popolazione anziana”. 

    Sul Titano le persone anziane sopra i 65 anni hanno superato quota 6mila unità e sono la  maggioranza (4.078) a percepire una pensione inferiore a 1.400 euro. Gli ultra 80enni sono invece 177 e in gran parte vivono soli. E il tema-solitudine, è un forte impegno programmatico dei pensionati CDLS: “Nel congresso celebrato lo scorso marzo – ricorda Casadei –  abbiamo denunciato il progressivo calo di attenzione riguardo al fenomeno della solitudine nella terza età,  indicando la necessità di potenziare politiche a sostegno delle famiglie con i nonni, di incentivare l’assistenza territoriale e supportare   e regolare meglio l’assistenza domiciliare delle badanti. Un riconoscimento insomma a quelle forme di welfare familiare che rappresenta un indiscutibile risparmio di spesa per casse pubbliche”. 

    Tra gli interventi socio-economici per fronteggiare la crisi, Marino Casadei evidenzia l’urgenza di aumentare l’assegno di accompagnamento (“oramai insufficiente a garantire l’autosufficienza di molti anziani”), la revisione del prontuario dei farmaci a pagamento e specifici interventi di aiuto nei confronti di chi soffre di disabilità e deve dotarsi di protesi.

    L’appuntamento tra le due Federpensionati è in programma nel pomeriggio di domani (giovedì 24 settembre). Una delegazione, guidata dai segretari Marino Casadei (FNPS-CDLS) e Antonio Uda (FNP-CISL) sarà poi ricevuta a Palazzo Begni dal Segretario di Stato alla Sanità, Claudio Podeschi.