Pericolo mani ”pelose” sulla Cassa di Risparmio…comunicato Riforme e Libertà

  • Le proposte di Reggini Auto

  • La Cassa di Risparmio non è solo il più antico istituto di credito della nostra Repubblica, risalendo le sue origini al 1882, ma rappresenta una vera e propria Istituzione del nostro Paese. Ha percorso più di un secolo di vita al fianco dei cittadini sammarinesi ed ha contributo in maniera fattiva, sostanziale ed operante al progresso civile, sociale, culturale ed economico sammarinese.

     
         

    Si è sempre dimostrata una azienda solida, equilibrata, lungimirante e sicuramente sarà in grado di superare questo momento di difficoltà.

    I vertici della Carisp stessa, ma anche il Presidente di Banca Centrale hanno assicurato che la vicenda non ha e non avrà alcun impatto sulla capacità operativa della Cassa, ne’ sulla sua liquidità e solidità finanziaria.

    Nonostante i vertici siano stati decapitati dalla Magistratura Italiana, la Carisp ha organismi, ruoli e funzioni autorevolmente ricoperti a cui il Paese deve dare piena solidarietà e sostegno perchè possano svolgere il proprio compito con serenità, attenzione e impegno senza l’ombra di interferenze e presenze esterne.

     

    Per la Carisp ciò che sta succedendo somiglia ad un terremoto e, come si sa, anche nelle peggiori disgrazie c’è chi pensa di approfittarne, come gli sciacalli dopo i terremoti, appunto.

    In questi momenti a pensare male può affiorare il sospetto che ci sia a San Marino, e magari anche dentro al Governo, chi voglia approfittare della situazione per mettere le mani sulla Cassa di Risparmio.

    Oltre che un grave rischio, questo sarebbe un affronto che, siamo certi, il Paese non permetterebbe. A nessuno!

     

    L’Ufficio Stampa

    PARTITO DEI SOCIALISTI E DEI DEMOCRATICI

    COMUNICATO STAMPA