Pesaro. Profughi, qualche sindaco alza le barricate «Noi piccoli Comuni non ce la facciamo»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Piccoli comuni sulle barricate contro le «quote profughi». Il nuovo bando per l’accoglienza dei richiedenti asilo fa discutere i primi cittadini dei centri con meno di duemila abitanti. Il più arrabbiato è Elvino Del Bene, sindaco di Montecciccardo. «I criteri proposti dalla Prefettura non sono accettabili e io, in caso di eventuali richieste, sono pronto ad oppormi», tuona Del Bene. Come è noto la nuova assegnazione dei richiedenti asilo assorbe l’accordo siglato tra l’Associazione nazionale comuni italiani (Anci) e il Ministero dell’Interno, secondo il quale la distribuzione dei migranti sarà proporzionale al numero degli abitanti di tutti i comuni della provincia ( fino ad una soglia massima di 2,5 migranti ogni mille abitanti), e terrà conto della presenza dei centri Sprar dislocati a Pesaro, Fano e Lunano. L’unica eccezione è stata fatta per i comuni sotto le duemila anime, venti nella nostra provincia tolto, appunto, Lunano, che saranno comunque chiamati ad ospitare sul proprio territorio fino a sei persone a cui è stato riconosciuto lo status di rifugiato.

Ma nemmeno questa correzione è bastata a placare gli animi, almeno a sentire Del Bene. «Mi ribello e mi sento autorizzato a contestare questa logica. Ricordo che Monteciccardo fa parte dell’Anpci, il sodalizio dei piccoli comuni italiani, che è un’associazione diversa e alternativa all’Anci. Dunque, non ci sentiamo di riconoscere un’intesa tra il Governo e un soggetto di diritto privato che non ci rappresenta» spiega, mettendo l’accento anche su un altro problema: «Sta aumentando il numero di minori non accompagnati. Per loro sono previsti, servizi diversi e che coinvolgono maggior personale. Ma, a fronte di una spesa che raggiunge i 90 euro al giorno, lo Stato ai comuni ne riconosce meno della metà e noi saremmo costretti a tagliare su asili e servizi».

Ne sa qualcosa il sindaco di Pietrarubbia, Maria Assunta Paolini: «Se la Prefettura ci chiamerà risponderemo che stiamo già facendo la nostra parte accogliendo due ragazzine in una struttura pubblica. Di più non possiamo fare». È pur vero che, qualora un’amministrazione locale si dichiari indisponibile, è previsto che siano gli altri comuni dell’Ambito territoriale a farsi carico di un numero relativamente contenuto di profughi. Ma la disponibilità su base volontaria pare sia molto scarsa. «Una ripartizione così concepita può avere un senso, ma è poco praticabile – osserva il sindaco Andrea Spagna, da Frontino – I comuni più piccoli non hanno capacità econonomica, in molti casi sono privi della pur minima struttura per l’accoglienza e si andrà a creare uno squilibrio». L’unica voce fuori dal coro è quella di Romina Pierantoni, prima cittadina di Borgo Pace, comune di 800 abitanti che è arrivato ad accogliere 60 migranti: «Con la nuova ripartizione è stato fatto finalmente un passo avanti – dice – E’ arrivato il momento di capire che il movimento migratorio è un problema che interessa tutti e come tale va organizzato ». Il Resto del Carlino

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com