Pini (Lega): per il bene dei frontalieri Governo firmi accordi con San Marino

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Alla luce delle distorsioni non ancora puntualizzate da parte dell’Agenzia delle entrate, sollecito il governo a firmare gli accordi bilaterali con San Marino.

    Lo ha detto alla Camera l’onorevole Pini della Lega che ha spiegato come dalla firma dipendano le sorti delle 6.500 famiglie dei frontalieri romagnoli e marchigiani che lavorano sul Titano.

    La dichiarazione dell’onorevole Pini
    “San Marino ha dimostrato di adeguarsi alle Convenzioni europee, di allinearsi e andare oltre nella lotta al riciclaggio di denaro sporco e all’evasione fiscale, superando il segreto bancario. Ritengo che la firma sia urgente perché da quegli accordi dipendono le sorti di 6.500 famiglie romagnole e marchigiane che operano tutti i giorni all’interno del territorio di San Marino e, senza i quali, l’Iccrea non potrà continuare a fornire servizi di assistenza bancaria agli istituti di credito sanmarinesi”.
    “Mi auguro che ci sia una proroga all’attuale scadenza del 15 novembre e invito il sottosegretario Craxi ad accelerare i tempi della firma, perché è fondamentale per l’economia romagnola e marchigiana e per tutte le famiglie dei frontalieri che tutti i giorni lavorano a San Marino”.

    FONTE NEWSRIMINI.IT