Polemiche dopo il Rally Legend: parla il Segretario Ciavatta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

‘’Condivido le rimostranze di tutti coloro che protestano per i rifiuti lasciati un po’ ovunque e non ancora rimossi dopo il Rally Legend dello scorso fine settimana: gli accordi non erano questi. Vorrei infatti segnalare che il collega responsabile per lo Sport ed il Turismo ed io, alla vigilia della stagione agonistica, avevamo convocato il Presidente del C.O.N.S. ed il Presidente della F.A.M.S. per adottare misure appropriate in occasione degli eventi sportivi di pertinenza. Infatti, pur riconoscendo

l’importanza di tali eventi per l’immagine della Repubblica all’estero e in termini di indotto economico, si intendeva prevenire, per quanto possibile, i disagi per la cittadinanza con una rigorosa programmazione degli eventi, una più attenta distribuzione sul territorio di tali manifestazioni, non solo per non sovraccaricare sempre le stesse aree, ma soprattutto per “risparmiare” quelle zone in cui è più difficile gestire in sicurezza lo svolgimento di queste gare,  e mediante un’adeguata informazione alla cittadinanza.

In tale riunione, a seguito delle nostre richieste, la FAMS aveva assicurato che avrebbe provveduto a ripulire tempestivamente le zone interessate, incluse le aree dei privati, a permettere il transito ai cittadini, in casi di necessità, in tratti stradali chiusi a seguito di ordinanza, e soprattutto a garantire la massima sicurezza, vista la presenza di numerosissimi appassionati. Il ripristino e la ripulitura delle aree interessate, nonché gli eventuali danni arrecati alle strade sono comunque a carico degli organizzatori, ma gli stessi avevano preso l’impegno con noi di effettuare subito i necessari interventi”.

 

Comunicato stampa

DellaTorreUno

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com